• Dom. Nov 29th, 2020

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Ndrangheta, sgominato traffico di cocaina: coinvolto anche capo delle Farc

DiPasquale Stavola

Giu 17, 2015

080450634-a1e9c07a-4d91-42e9-91ba-53bce553e7ef

Quattro tonnellate di droga sequestrate, 34 ordinanze di custodia cautelare, beni immobiliari per un valore altissimo bloccati tra Lazio e Campania. L’inchiesta condotta dalla Dda di Reggio Calabria. Anche un esponente delle Forze armate rivoluzionarie colombiane nell’organizzazione

Questa volta a fare affari con i calabresi c’era un comandante delle Farc. Un colombiano, con alle spalle basi militari e un vero e proprio esercito. Un esponente delle Forze armate rivoluzionare, che dal cuore della foresta Amazzonica era in grado di rifornire il mercato europeo con un fiume di cocaina. Il suo nome sarà forse reso noto nelle prossime ore, per ora è ancora uccel di bosco, si sa soltanto che la Dea americana lo insegue da anni senza risultato. Quattro tonnellate di cocaina sequestrate; 34 ordinanze di custodia cautelare in carcere; beni immobili, quote societarie, ditte individuali e beni mobili di lusso per un valore di cinque milioni di euro sequestrati tra il Lazio e la Calabria. Sono questi i numeri di un’indagine della Dda di Reggio Calabria che ha coinvolto le polizie di Usa (Dea), Spagna (Guardia civil) e gli specialisti del Gico di Catanzaro.

L’inchiesta che porta la firma del procuratore Federico Cafiero de Raho ed è stata coordinata dal procuratore aggiunto Nicola Gratteri, ha consentito di interrompere un importante traffico di cocaina tra i colombiani e i calabresi. Da una parte, come accennato, le Farc, dall’altra le famiglie Alvaro e Pesce della Piana di Gioia Tauro e Coluccio-Aquino della Locride. I calabresi, nella sostanza, si erano messi assieme per gestire carichi di sostanze stupefacenti di grandi dimensioni in maniera da strappare prezzi più bassi e condividere i rischi di un’operazione che una sola famiglia avrebbe avuto difficoltà a gestire. Personaggio chiave dell’indagine Giuseppe Alvaro, rampollo dei clan di Sinopoli, arrestato dai finanzieri in Toscana.

http://www.repubblica.it/cronaca/2015/06/17/news/ndrangheta_cocaina-117027546/

(Visited 23 times, 1 visits today)