• Mer. Nov 25th, 2020

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Omicidio della Magliana, ha confessato l’ex fidanzato di Sara. Gli inquirenti: “Bruciata viva”

DiPaul Polidori

Mag 30, 2016
In DIRETTA...Emanuela Petroni presenta ANIME di CARTA in TV
“Messo di fronte all’evidenza dei dati, ha provato a negare anche i dati certi e poi alla fine ha ammesso di aver ucciso Sara”, ha aggiunto Silipo. Il sostituto procuratore di Roma, Maria Monteleone ha rivelato un altro dettaglio atroce: “La ragazza prima di essere raggiunta dal suo assassino ha provato a chiedere aiuto agli automobilisti, ma nessuno si è fermato. Se qualcuno si fosse fermato Sara sarebbe ancora viva”.

Secondo quanto ricostruito, nelle immagini delle telecamere di videosorveglianza che hanno inquadrato il luogo del delitto, almeno due auto sono passate prima che Sara fosse uccisa e la ragazza ha chiesto aiuto invano, senza che i conducenti si fermassero. Gli automobilisti sono stati rintracciati dalla polizia e hanno affermato di non aver capito che la ragazza invocava aiuto.
“Ci vuole coraggio da parte dei cittadini, da parte di chi passa e vede qualcuno in difficoltà, una telefonata al 113 è gratis: se si vedono cose strane è dovere chiamare forze ordine”, ha aggiunto Silipo.

“Ieri abbiamo sentito tutti gli amici, familiari, abbiamo ricostruito la vita di Sara degli ultimi anni. Abbiamo subito compreso che usciva da una storia malata – ha raccontato Silipo – Se è vero che non è stata mai malmenata è altrettanto vero – ha spiegato il capo della Mobile – che nell’ultimo periodo ha subito una violenza psicologica enorme da questo amore malato. La relazione è durata per circa due anni, poi trasformata in un rapporto morboso, si sono lasciati almeno 3 volte. Da poco Sara aveva iniziato una nuova relazione. Il fermato la seguiva, sicuramente in due occasioni e l’ultima è stata fatale”.

Paduano, guardia giurata, a bordo della sua macchina seguiva quella di Sara. Le telecamere lo hanno ripreso mentre affiancava e speronava la vettura. Aveva con sé una bottiglia di liquido infiammabile che ha aperto dopo essere salito nell’auto della ragazza imbrattando la stessa Sara. La giovane, in un primo momento era riuscita a fuggire. Dopo aver incendiato l’auto l’uomo ha raggiunto la sua ex e l’ha bruciata viva. Gli Inquirenti: “Una morte atroce”. Nei giorni precedenti sembra che tra i due, che si erano lasciati da poco dopo due anni, ci fossero stati dei litigi. Dalle indagini è emerso anche che Paduano dopo l’omicidio è tornato al lavoro.

Il corpo di Sara era stato trovato domenica all’alba, in un parcheggio in via della Magliana. La giovane sarebbe stata strangolata e poi bruciata. Poco distante, c’era anche l’auto in fiamme della madre con la quale la giovane era uscita sabato sera.

“Messo di fronte all’evidenza dei dati, ha provato a negare anche i dati certi e poi alla fine ha ammesso di aver ucciso Sara”, ha aggiunto Silipo. Il sostituto procuratore di Roma, Maria Monteleone ha rivelato un altro dettaglio atroce: “La ragazza prima di essere raggiunta dal suo assassino ha provato a chiedere aiuto agli automobilisti, ma nessuno si è fermato. Se qualcuno si fosse fermato Sara sarebbe ancora viva”.

Secondo quanto ricostruito, nelle immagini delle telecamere di videosorveglianza che hanno inquadrato il luogo del delitto, almeno due auto sono passate prima che Sara fosse uccisa e la ragazza ha chiesto aiuto invano, senza che i conducenti si fermassero. Gli automobilisti sono stati rintracciati dalla polizia e hanno affermato di non aver capito che la ragazza invocava aiuto.
“Ci vuole coraggio da parte dei cittadini, da parte di chi passa e vede qualcuno in difficoltà, una telefonata al 113 è gratis: se si vedono cose strane è dovere chiamare forze ordine”, ha aggiunto Silipo.

“Ieri abbiamo sentito tutti gli amici, familiari, abbiamo ricostruito la vita di Sara degli ultimi anni. Abbiamo subito compreso che usciva da una storia malata – ha raccontato Silipo – Se è vero che non è stata mai malmenata è altrettanto vero – ha spiegato il capo della Mobile – che nell’ultimo periodo ha subito una violenza psicologica enorme da questo amore malato. La relazione è durata per circa due anni, poi trasformata in un rapporto morboso, si sono lasciati almeno 3 volte. Da poco Sara aveva iniziato una nuova relazione. Il fermato la seguiva, sicuramente in due occasioni e l’ultima è stata fatale”.

Paduano, guardia giurata, a bordo della sua macchina seguiva quella di Sara. Le telecamere lo hanno ripreso mentre affiancava e speronava la vettura. Aveva con sé una bottiglia di liquido infiammabile che ha aperto dopo essere salito nell’auto della ragazza imbrattando la stessa Sara. La giovane, in un primo momento era riuscita a fuggire. Dopo aver incendiato l’auto l’uomo ha raggiunto la sua ex e l’ha bruciata viva. Gli Inquirenti: “Una morte atroce”. Nei giorni precedenti sembra che tra i due, che si erano lasciati da poco dopo due anni, ci fossero stati dei litigi. Dalle indagini è emerso anche che Paduano dopo l’omicidio è tornato al lavoro.

Il corpo di Sara era stato trovato domenica all’alba, in un parcheggio in via della Magliana. La giovane sarebbe stata strangolata e poi bruciata. Poco distante, c’era anche l’auto in fiamme della madre con la quale la giovane era uscita sabato sera.E infatti intorno alle 3 di domenica notte la ragazza aveva mandato un messaggio alla madre per avvertirla che stava rientrando a casa. Poi più nulla: alle 5 del mattino il ritrovamento del corpo da parte dei vigili del fuoco intervenuti per l’auto in fiamme.

Dopo le prime ore, nelle quali sono stati sentiti parenti e amici della vittima, le indagini  si erano concentrate su Paduano. “C’è la nostra vicinanza alla famiglia e speriamo che questa morte così atroce non sia inutile – ha detto il procuratore aggiunto Maria Monteleone – L’Invito alle ragazze a denunciare a non tenere nascosti comportamenti di minacce di chi afferma di volerti bene e così non è. Il secondo è un invito caldo a chi si imbatte su queste ragazze che ha bisogno di aiuto, aiutarla non essere indifferente. Se ciò fosse accaduto probabilmente Sara oggi non sarebbe morta”.

Sara, che abitava non lontano da dove è stata ritrovata, aveva frequentato un liceo scientifico all’Eur, ed ora era iscritta ad Economia all’Università Roma Tre: negli ultimi giorni sembra che tra lei e Paduano la relazione fosse finita.

080840110-78992cfb-0132-46cb-99c4-99b221c564c0
http://www.repubblica.it/cronaca/2016/05/30/news/omicidio_sara_fermato_l_ex_fidanzato-140896758/?ref=HREA-1
(Visited 5 times, 1 visits today)