oronavirus in Italia, Lopalco: “Ripartenza in sicurezza andava programmata prima”. Emergenza Rsa dalla Toscana alla Puglia

L’epidemiologo ad Agorà (Raitre): “Rischioso riapire subito le scuole”. Il ministro della Salute Roberto Speranza: “Segnali positivi, ma emergenza resta”. Il Papa: “Preghiamo per anziani soli e impauriti”

Lopalco: riapertura andava programmata prima, ora no scuole

“Noi stiamo facendo bene a non riaprire le scuole, riaprirle subito è rischioso perchè sono un nucleo di circolazione del virus particolarmente efficiente. La ripartenza deve essere fatta in sicurezza. Forse avremmo dovuto pensarci qualche settimana prima a programmare quest’azione”. Lo ha detto Pier Luigi Lopalco, epidemiologo dell’università di Pisa, ad Agorà su Rai 3.

Montevarchi, seconda vittima in 24 ore

Morto un novantenne che era ospite della Rsa di Montevarchi (Arezzo) e che era stato colpito da coronavirus. È la seconda vittima della struttura nel giro di una giornata. L’uomo era originario del Valdarno fiorentino, aveva 93 anni ed era stato trasportato all’ospedale San Donato di Arezzo dopo essere risultato positivo al virus. Nella stessa Rsa di Montevarchi altri 29 anziani ospiti e sei operatori sanitari sono risultati positivi. Martedì 14 aprile era morta una donna ultranovantenne della Rsa di Montevarchi, anche lei positiva al coronavirus e sempre all’ospedale di Arezzo dove era stata ricoverata.

In Puglia 76 ospiti Rsa contagiati

Nella provincia di Barletta-Andria-Trani sono 76 gli ospiti contagiati in diverse strutture e l’Asl è dovuto correre ai ripari con un piano straordinario. “I nostri interventi sono stati immediati e contestuali -dice Alessandro Delle Donne, direttore generale Asl Bt- stiamo agendo in maniera costante e sinergica per contenere i contagi, mettere in sicurezza i pazienti e consentire agli operatori di lavorare nel rispetto di quanto previsto dalle disposizioni ministeriali, regionali e aziendali”.

Il ministro Speranza: “Siamo nel pieno della crisi”

 “La situazione è ancora seria, le misure stanno portando i risultati e grazie al comportamento degli italiani è stato possibile salvate migliaia e migliaia di persone ma serve essere realisti perchè i sono numeri ancora seri e pesanti”: lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza nel corso della trasmissione “di martedi” su La7. “Alcuni indicatori sono positivi ma siamo nel pieno della crisi, non ci servono polemiche ma lavorare assieme” ha detto.

Il Papa: “Preghiamo per anziani soli e impauriti. Sono le nostre radici, la nostra storia”

“Preghiamo oggi per gli anziani, specialmente per coloro che sono isolati o nelle case di riposo”. Lo ha detto il Papa nell’introduzione della messa a Santa Marta. Gli anziani ” hanno paura, paura di morire da soli. Sentono questa pandemia come una cosa aggressiva”. “Loro sono le nostre radici, la nostra storia – ha proseguito il Papa – . Loro ci hanno dato la fede, la tradizione, il senso di appartenenza, una patria. Preghiamo per loro perché il Signore gli sia vicino in questo momento”.

https://www.repubblica.it/cronaca/2020/04/15/news/coronavirus_in_italia-254052810/?refresh_ce
(Visited 7 times, 1 visits today)