• Mer. Nov 25th, 2020

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Pedofilia, Weslowski ricoverato all’ospedale: udienza in Vaticano subito rinviata

DiPasquale Stavola

Lug 11, 2015
In DIRETTA...Emanuela Petroni presenta ANIME di CARTA in TV

20150711_11676177

 

L’ex nunzio della Repubblica Dominicana, Jozef Wesolowski, nei confronti del quale oggi doveva iniziare il processo penale davanti al Tribunale vaticano, è stato ricoverato in ospedale. Dunque, il Tribunale «ha dovuto sospendere il dibattimento e rinviare a data da destinarsi dovendosi attendere la cessazione della causa che ha dato luogo al rinvio».

Mentre il Papa è in viaggio in America latina, si sarebbe dovuta tenere davanti al Tribunale della Santa Sede la prima udienza all’ex nunzio polacco rinviato a giudizio «per il reato di detenzione di materiale pedopornografico e atti di pedofili». Wesolowski era assente per un improvviso malore ed è stato ricoverato in terapia intensiva in una struttura ospedaliera pubblica della capitale.

Cinque i capi di accusa contro di lui: detenzione di materiale pedopornografico; pedofilia in concorso; ricettazione di materiale pedopornografico; lesioni gravi alle vittime adolescenti; condotta che offende la religione e la morale cristiana per aver visitato siti pornografici. La prima udienza è durata sei minuti e il processo è stato immediatamente rinviato dal collegio giudicante presieduto da Giuseppe Dalla Torre.

In particolare, il promotore di Giustizia vaticano, Gian Piero Milano (in pratica il pm Vaticano (insieme agli aggiunti, Roberto Zannotti e Alessandro Diddi) contesta ben cinque reati all’ex nunzio polacco Wesolowski (domiciliato presso la Comunità dei Penitenzieri al primo piano del Palazzo del Tribunale Vaticano nella stanza numero 5). Il primo, in base all’art 11 della Legge VIII del 2013, «per avere detenuto e comunque per essersi procurato dai siti internet materiale raffigurante minori di diciotto anni coinvolti in attività sessuali esplicite a scopi prevalentemente sessuali.

Con l’aggravante della detenzione di ingenti quantità». Il promotore di Giustizia accusa poi l’ex nunzio ‘alla sbarrà «nella Città del Vaticano ed altrove, da epoca imprecisata fino al 22 settembre 2014» del delitto punito dagli art. 63,68, 335 e 336 c.p. «per avere con più azioni e, in un caso, in concorso con Francisco Javier Occi Reyes ed altri allo stato ignoti, corrotto, mediante atti di libidine, adolescenti di età presumibilmente compresa tra i 13 e i 16 anni al fine di compiere su di essi e alla presenza di essi atti sessuali; comportamenti – contesta il pm – tenuti almeno in una occasione avvenuti in luogo esposto al pubblico».

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/VATICANO/pedofilia_weslowski_ricoverato_ospedale_udienza_vaticano_rinviata/notizie/1458482.shtml

(Visited 6 times, 1 visits today)