Peschereccio siciliano sequestrato in Libia, i marinai si ribellano: in fuga verso Lampedusa

Affonda peschereccio:bilancio sale a 4 morti, mare forza 8

Sarebbe in fuga verso Lampedusa scortato da una nave della Marina il peschereccio della flotta di Mazara del Vallo ‘Airone’ che stanotte è stato assaltato da miliziani libici. Secondo notizie apprese via radio, uno o due libici sarebbero saliti a bordo del motopesca per una perquisizione ma l’equipaggio si sarebbe ribellato rinchiudendoli nella stiva. Personale della Marina militare è salito a bordo e ne ha assunto il controllo, ha detto lo Stato maggiore della Difesa.

L’imbarcazione di Mazara del Vallo era partita dalla Sicilia con a bordo 7 marinai, di cui 3 siciliani e 4 tunisini. Il peschereccio è stato sequestrato intorno alle 3.30 di stanotte, in acque libiche, a circa 40 miglia da Misurata, da un rimorchiatore («presumibilmente appartenente a forze di sicurezza libiche», ha detto lo Stato maggiore della Difesa) con a bordo uomini armati. Il peschereccio è della Maran snc. Il comandante è Alberto Figuccia.

Giovanni Tumbiolo, presidente del Distretto per la pesca Cosvap, stamani hacontattato il ministro dell’Agricoltura e pesca libico, Abdul Munam Dugman. «Lo stato di allerta – osserva – è massimo da quando l’ambasciata italiana è stata chiusa. Siamo preoccupati ma al contempo fiduciosi poiché il popolo libico è stato sempre vicino ai siciliani».

Prima del blitz i pescatori sono stati costretti a seguire i sequestratori proprio in direzione Misurata. L’allarme del sequestro è stato dato da un altro peschereccio che si trovava in zona e che ha avvertito la guardia costiera. Molti gli appelli lanciati nelle ultime ore a non andare a pescare in acque internazionali.

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/peschereccio_siciliano_sequestrato_libia/notizie/1301460.shtml

(Visited 19 times, 1 visits today)