• Sab. Dic 5th, 2020

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Più immigrati arrivano nell’Ue, più cresce la destra populista

DiPasquale Stavola

Mar 14, 2016

1457947067-lapresse-20160312201201-180962311

Dal Belgio alla Polonia nei sondaggi schizzano le formazioni anti-immigrati e anti-europeiste. A pagare è il buonismo dei “No ai controlli”, che ora è sconfitto dappertutto

Da un certo punto di vista, si può parlare di vittoria annunciata. Il trionfo alle elezioni regionali della formazione di destra anti-immigrati tedesca della AfD è il logico epilogo di mesi di furibonda polemica politica contro le politiche di Angela Merkel nella gestione dell’emergenza profughi.

Da settimane la destra e l’ultradestra erano in crescita nei sondaggi, mentre le manifestazioni degli anti-islamici di Pegida vedono aumentare i partecipanti ormai da quasi due anni. Quello dell’ascesa delle formazioni di destra severe de aggressive contro gli eccessi dell’immigrazione incontrollata – e da più parti descritte come populiste – è però un fenomeno che riguarda tutta Europa, a partire da quella centro-settentrionale.

A fare scuola è stata l’Ungheria di Viktor Orban, promotore di una riforma dello Stato in senso nazional-conservatore e costruttore del primo muro anti-migranti nel cuore del Vecchio Continente. Quindi è stata la volta degli altri componenti del “gruppo di Visegrad“, l’alleanza che unisce i magiari a polacchi, cechi e slovacchi: altri tre popoli che hanno eletto governi fieramente critici verso le politiche migratorie della Merkel e disposti a (quasi) tutto per evitare al proprio Paese l’ondata di profughi che ha interessato la rotta balcanica.

Nella Mitteleuropa, anche governi di centrosinistra come quello austriaco o quello slovacco hanno iniziato ad adottare politiche di centrodestra in fatto di migranti: chiusura dei confini, controlli serrati, osservanza scrupolosa del trattato di Dublino (che scarica l’onere dell’accoglienza sui Paesi Ue di primo ingresso).

Così hanno fatto esecutivi a guida moderata come quelli di Croazia e Slovenia, ma anche i “tradizionalmente accoglienti” scandinavi: Danimarca, Svezia e Finlandia hanno reintrodotto a vario titolo i controlli in dogana, promesso di rimpatriare i migranti che non abbiano ottenuto la protezione internazionale e rifiutato di accoglierne altri. Sotto la pressione, tra l’altro, di gruppi nazionalisti e populisti in forte ascesa, come i Veri Finlandesidi Timo Soini e i Democratici Svedesi di Jimmie Akesson.

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/pi-immigrati-arrivano-nellue-pi-cresce-destra-populista-1235414.html

(Visited 15 times, 1 visits today)