Quel party blasfemo su Gesù con i soldi dei contribuenti: arcigay di Bologna senza freni