Quella con lo Stato Islamico è una terza guerra mondiale”, Re Abdallah II di Giordania

resize

 

I militanti dell’Isis “sono fuorilegge dell’Islam”

Re Abdullah di Giordania ha definito la battaglia contro lo Stato islamico “una Terza guerra mondiale” in quella che è una “lotta generazionale” per configgere questi “fuorilegge dell’Islam.”

Parlando alla Cnn, il re ha invitato tutte le nazioni a unirsi per contribuire a contrastare la minaccia posta dal gruppo militante da quando ha conquistato ampie fasce di Iraq e Siria l’anno scorso.

“La guerra contro l’Isis è una guerra della Giordania così come di ogni altro Paese della coalizione guidata dagli Usa”, ha affermato re Abdallah II di Giordania. “Questa è una nostra guerra. Lo è da molto tempo e abbiamo la responsabilità morale di raggiungere questi musulmani e proteggerli, e fermare l’Isis prima che raggiunga la nostra frontiera” e pertanto “questa è una nostra guerra”, ha insistito.
Il re ha insistito sulla necessità di un fronte unito, che potrerebbe includere “musulmani, cristiani e le altre religioni”, sottolineando che l’elemento ideologico del conflitto sarà l’elemento più difficile da risolvere.

L’intervista alla Cnn è la prima da quando i jihadisti dello ‘Stato islamico’ hanno bruciato vivo il pilota giordano Moaz al-Kassasbeh e secondo il re, questa barbarie, invece di intimidire la nazione ha avuto l’effetto opposto: “ha motivato i giordani a stringersi attorno alla bandiera”.

http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=10788
(Visited 7 times, 1 visits today)