• Mar. Nov 24th, 2020

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Roma, la finanza sequestra 111 immobili per 9 milioni di valore

DiPaul Polidori

Apr 30, 2016

Prendono le sovvenzioni per edilizia popolare ma continuano a farsi pagare canoni di mercato. Tredici le società nel mirino degli investigatori: 11 si sono adeguate, due hanno continuato a praticare prezzi esorbitanti

Il nucleo di polizia tributaria di Roma ha eseguito un sequestro preventivo emesso dal tribunale di Roma nell’ambito di una complessa indagine volta a debellare il fenomeno degli illeciti nell’edilizia convenzionata e agevolata. Il sequestro di oggi ha riguardato 111 immobili, tra appartamenti, posti auto e cantine, per un valore totale di circa 9 milioni di euro. Le irregolarità commesse, che vanno avanti anche da otto anni, riguardano la gestione dei contributi finalizzati all’edilizia agevolata e convenzionata nell’ambito dei cosiddetti “Piani di Zona”. Al centro di questo sequestro la società romana Di.Cos Spa, che costruì immobili in edilizia agevolata per gli interventi costruttivi percependo appunto i contributi, nelle zone di Spinaceto e di Selva Candida.

Le indagini. Sono molti i fascicoli aperti sulla vicenda, coordinata dalla Procura di Roma. Uno degli obiettivi delle indagini è capire quanti e quali illeciti siano stati commessi e quali i meccanismi. Sono centinaia infatti i documenti che la finanza ha acquisito da Comune e Regione per arrivare a disegnare un quadro complessivo e completo, arricchito anche dalle tantissime testimonianze di inquilini truffati. I contributi pubblici sarebbero dovuti servire ad abbattere i prezzi dell’affitto e dell’acquisto degli immobili. Al contrario, invece, gli inquilini hanno pagato e continuano a pagare canoni di affitto di mercato e a dover pagare l’immobile, allo scadere del termine locativo, a prezzi superiori a quelli a loro spettanti.

I costi aggiuntivi. Per un appartamento di 80 metri quadri, hanno calcolato gli investigatori, ogni famiglia ha dovuto ingiustamente sostenere un costo aggiuntivo di circa 100 euro al mese su un canone di affitto di circa 600 euro. Inoltre, ogni famiglia avrebbe dovuto sborsare per l’acquisto definitivo un importo maggiorato di circa 30mila euro su un prezzo complessivo dell’immobile determinato dal Comune in circa 150mila euro. Gli immobili sequestrati, per consentire l’applicazione dei “giusti” canoni di locazione, rideterminati dal Comune tenendo conto delle agevolazioni pubbliche già erogate, rimarranno in uso agli inquilini.

173355053-314af612-d914-4f8c-abd8-7e83fe467350

http://roma.repubblica.it/cronaca/2016/04/28/news/roma_la_finanza_sequestra_111_immobili_i_mille_imbrogli_nell_edilizia_convenzionata_e_agevolata-138664035/

(Visited 5 times, 1 visits today)