Roma, San Basilio, tre leoni nel campo rom: residenti allertati dai ruggiti notturni

20150813_e3

Erano giorni e giorni, almeno due settimane buone, che la signora Rachele (il nome è di fantasia) sentiva strani versi di animale. «Erano ruggiti, veri e propri ruggiti. Impossibile a credersi», ha raccontato. Già, sembrerebbe impossibile visto che la signora non vive in un cottage nella Savana, bensì in un quartiere periferico a forte densità abitativa come San Basilio. Eppure quei continui ruggiti avevano lasciato perplesse anche altre persone del quartiere. Fino a che non sono riusciti a identificarne la provenienza. Un’area pubblica, lungo via Casale di San Basilio, all’angolo con Via Filottrano, ridotta ad accampamento di fortuna di qualche rom, con tanto di transenne.

Quegli strani ruggiti arrivavano proprio da questo piazzale. Pochi metri più in là e spiccano i palazzoni. Paura, disagio, preoccupazione, per famiglia, bambini, cari. Da lì la corsa a chiamare la Polizia, per una verifica. Ed è così che è avvenuta la scoperta. Tre leoni sono rimasti “parcheggiati” per almeno quindici giorni (ma forse anche di più) in quest’area. Periferia estrema della Capitale che la street art ha cercato di riqualificare dal degrado negli ultimi mesi.Ma dove possono accadere storie «bizzarre» (per dirla con la Polizia forestale) come questa. Leoni di proprietà di un circo, lasciati dentro un container circense per giorni parcheggiato in un’area pubblica senza le dovute autorizzazioni, e senza controlli. In attesa di essere recuperati e ripartire oltre confine. A denunciare l’affair dei tre felini “ucraini” (così li chiamano ora gli agenti) è stata la Lav, la Lega anti vivisezione onlus, che due giorni fa aveva ricevuto la strana segnalazione della signora Rachele.

http://www.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/leoni_campo_rom_residenti_ruggiti_notturni/notizie/1514223.shtml

(Visited 9 times, 1 visits today)