Santa Sede-Palestina: firmato accordo in Vaticano su attività chiesa. Israele non gradisce

123209095-1005fc95-0958-4e82-92f9-540f8f4cd55c

Il patto riafferma anche il sostegno per una soluzione negoziata e pacifica della situazione nella regione. A maggio, con la visita di Abu Mazen, era stata siglata una prima intesa. Lo Stato ebraico ha espresso “rincrescimento” e annunciato la “verifica di implicazioni nei rapporti”

CITTA’ DEL VATICANO – Santa sede e Stato di Palestina finalizzano l’accordo di base siglato nei mesi scorsi.  L’intesa, siglata nel palazzo apostolico vaticano, regola la situazione della Chiesa cattolica in Palestina ed era stata preannunciata con un patto sottoscritto dalle due parti lo scorso 13 maggio e “fa seguito all’accordo base che era stato firmato tra la Santa Sede e l’organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp) il 15 febbraio del 2000”.

Una firma che non è piaciuta al governo israeliano che ha subito espresso il proprio “rincrescimento” avvertendo che una tale iniziativa “danneggia le prospettive per un progresso dei negoziati di pace” israelo-palestinesi. “Questa iniziativa affrettata mina gli sforzi internazionali per convincere l’Autorità nazionale palestinese a tornare ai negoziati diretti con Israele” ha sottolineato il portavoce del ministero degli Esteri israeliano, Emmanuel Nahshon. “Israele non può accettare le decisioni unilaterali contenute nell’accordo, che non prendono in considerazione gli interessi fondamentali di Israele e lo speciale status storico del popolo ebraico a Gerusalemme”, ha concluso il portavoce, avvertendo che “Israele studierà in dettaglio l’accordo e le sue conseguenze sulla futura cooperazione con il vaticano”.

http://www.repubblica.it/esteri/2015/06/26/news/santa_sede-palestina_firmato_accordo_in_vaticano_su_attivita_chiesa-117740295/

(Visited 13 times, 1 visits today)