Scossa di terremoto tra l’Aquila e Rieti: avvertita anche a Roma

Roma – Alle 10 e 25 la prima, forte scossa di magnitudo 5.3 avvertita in Italia centrale, distintamente in tutta la provincia di Rieti e nel capoluogo. Il sisma è stato avvertito anche a Roma e così anche per le due scosse molto forti successive avvenute alle 11.14 (magnitudo 5.4) e alle 11.26 (magnitudo 5.3).

Aggiornamenti in tempo reale

12.16 Sindaco Amandola, tanta paura, gente in strada

«Di crolli per ora non ho notizie, ma la paura fra la gente è stata tanta, molte persone si sono riversate in strada già subito dopo la prima scossa, e altre le hanno seguite dopo»: lo ha detto Adolfo Marinangeli, sindaco di Amandola (Fermo), comune marchigiano non lontano da Amatrice, che ha subito molti danni con il sisma di agosto, compreso il crollo di un’ala dell’ospedale. «Il disastro al momento per noi è soprattutto la gran quantità di neve che ostacola i collegamenti con le frazioni» ha aggiunto.

12.16 Abruzzo, evacuazioni di aziende e uffici pubblici

Le tre scosse di magnitudo superiore a 5 che si sono susseguite in centro Italia, nell’ aquilano, a Teramo hanno reso necessaria l’evacuazione della Prefettura, dove era in corso una riunione operativa del Centro Coordinamento dei Soccorsi dopo l’arrivo dell’Esercito per l’emergenza neve. Una delle tre scosse si è verificata durante l’evacuazione. Panico tra la gente. Nel capoluogo di regione, sono stati evacuati gli uffici comunali e molte aziende sono state chiuse a causa dello sciame sismico: tra queste lo stabilimento `Leonardo´ (ex Finmeccanica), i cui 120 dipendenti erano già stati fatti uscire temporaneamente dopo la prima scossa. A Pescara, invece, sono stati evacuati gli uffici della Giunta Regionale, gli uffici regionali di Abruzzo Sviluppo, il Tribunale, la sede della Provincia e l’azienda Fater dove l’evacuazione è facoltativa e altri uffici pubblici. Le scuole nei quattro capoluoghi di provincia e in molti comuni erano già chiuse per il maltempo

12.15 A Roma evacuata Cassa deposito e prestiti e molti uffici pubblici

Alcuni edifici pubblici e sedi di Enti sono stati evacuati ripetutamente stamani, nel centro di Roma, per le scosse di terremoto avvertite anche nella capitale. In alcuni casi i dipendenti alla fine sono stati mandati a casa. Alla Cassa depositi e prestiti (Cdp) in via Goito (nei pressi della stazione Termini), ad esempio – ha riferito una lavoratrice all’Ansa – la procedura d’emergenza è stata eseguita due volte in occasione di altrettante scosse, poi il Chief operating officer (Coo) ha comunicato ai dipendenti che per oggi dovevano tornarsene a casa per precauzione. Nella sede principale di Cdp sono in organico circa 5-600 persone, secondo quanto riferito. Stessa procedura per gli uffici dell’Inps all’Eur.

12.14 Rischio valanghe nelle Marche

La protezione civile delle Marche ha diramato un allarme valanghe sul territorio regionale. La misura è stata deciso – si apprende da fonti della Regione – a causa della neve e delle nuove scosse di terremoto.

12.10 A Roma percepito come più forte la terza scossa perché più vicino l’epicentro

Il terzo terremoto, di magnitudo 5,3 avvenuto più a Sud dei due precedenti, è stato percepito a Roma come il più forte soltanto perché più vicino, ha spiegato la sismologa Paola Montone, dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). La magnitudo del terzo terremoto è stata superiore solo rispetto a quella del primo sisma, ricalcolata in 5,1, ma inferiore a quella del secondo, ad ora confermata in 5,4.

12.00 Curcio: «Difficoltà a raggiungere alcune zone per la neve»

Le aree coinvolte dalle nuove scosse di terremoto sono le stesse già colpite dal sisma di agosto e ottobre «una zona purtroppo nota – ha spiegato Curcio – e un valore che può creare qualche problema soprattutto a infrastrutture che erano già in qualche modo compromesse anche se non ci attendiamo grandissimi crolli». «Siamo in contatto con le forze armate – ha aggiunto Curcio – per la parte neve erano state mobilitate le Regioni, Lombardia, Veneto Trentino Alto Adige, Bolzano. Siamo in contatto con Piemonte e le altre regioni per poter apportare un miglioramento per la parte neve. Ora si è inserita quest’altra questione, le gestiremo entrambe».

11.58 Il sindaco di Amatrice: «Non so se abbiamo fatto qualcosa di male»

«Non so se abbiamo fatto qualcosa di male, me lo chiedo da ieri, due metri di neve e ora pure il terremoto. Che devo dire? Non ho parole». È quanto ha detto il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, nel corso dell’edizione straordinaria del Tg1 dopo la nuova forte scossa di terremoto di questa mattina.

11.57 Crolla definitivamente il campanile Chiesa Amatrice

Il campanile della chiesa di Sant’Agostino, già gravemente lesionato dalle scosse di terremoto del 24 agosto e di fine ottobre, è crollato definitivamente dopo le violente scosse registrate tra le 10 e 20 e le 11 e 25 di questa mattina. Paura ad Amatrice, dove la situazione è già resa fortemente precaria da una forte nevicata che rende difficile ogni tipo di comunicazione tra i borghi del territorio.
«Le scosse non sono mai terminate dal 24 agosto, abbiamo superato le 45mila. Le persone che vivono su quei territori lo vivono quotidianamente». LO ha detto il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio a Skytg24. «Abbiamo attivato tutte le strutture, che erano prontamente attive – ha aggiunto – un pò perché si sta lavorando dal 24 agosto un po’ perché stanno facendo dei punti specifici sulla parte meteo che sta aggravando questa zona».11.56 – Curcio: «Le scosse non sono mai terminate dal 24 agosto»

11.51 Sindaco Arquata: «Non si rintracciano 15 allevatori»

Non si trovano quindici allevatori di Arquata del Tronto che questa mattina erano partiti dagli alberghi di San Benedetto per andare in paese ad accudire e alimentare le loro bestie. Lo riferisce il sindaco di Arquata Aleandro Petrucci, profondamente scosso dal nuovo terremoto di questa mattina, con tre repliche molto forti. «Li stiamo cercando da un’ora ma non rispondono al telefono e non si sa dove siano e come stiano – dice Petrucci, che si trovava ad Ascoli con la sua famiglia. Erano andati nella frazione di Colle, sui Monti della Laga, per seguire i cavalli, le mucche e le pecore delle loro attività e stalle, che sono già in condizioni dure per il maltempo. «Petrucci ha allertato i vigili del fuoco. Sono in corso ricerche. Molto preoccupati i familiari degli allevatori.

11.45 Metro di Roma: il punto sulla situazione

Allo stato dunque risulta sospeso il servizio sulle linee A, B e B1 per attivare le verifiche necessarie e accertare eventuali danni. È stato disposto un servizio sostitutivo di navette.

11.37 La terza scossa di magnitudo 5.3

La terza forte scossa di terremoto avvertita questa mattina alle 11.26 nell’Italia centrale è stata di magnitudo 5.3, con epicentro sempre nell’aquilano, secondo prime stime dell’Istituto Nazionale di Geofisica.

11.36. Difficoltà per la neve negli spostamenti

Difficoltà per spostamenti soccorsi a causa neve – I mezzi dei vigili del fuoco stanno incontrando diverse difficoltà a raggiungere le zone colpite dalle scosse di terremoto di questa mattina a causa della neve presente sulle strade. Le verifiche di eventuali crolli sono in corso.

11.35 Scuole evacuate nelle Marche

Ad Ancona, docenti, studenti e personale delle scuole medie Pascoli sono usciti e si sono radunati nel punto di raccolta. Alunni fuori anche in altre scuole della città e in vari istituti scolastici di Fano (Pesaro Urbino).

11.32 Evacuate le scuole a Foligno

A Foligno tutte le scuole sono state evacuate per il susseguirsi delle scosse di stamani, che nella città umbra sono state avvertite in modo particolarmente forte. Gli studenti di ogni ordine e grado sono usciti poco dopo le 11 e stanno tornando nelle loro abitazioni.

11.28 Evacuazione della metro di Roma

Alcune stazioni della metro di Roma sono state evacuate a scopo precauzionale dopo le scosse di terremoto avvertite anche a Roma. La precauzione riguarda sia la linea A che la linea B

11.27 Seconda scossa: magnitudo 5.4

Un terremoto di magnitudo 5,4 è stato registrato nell’aquilano, nella stessa zona colpita poco fa da un sisma di magnitudo 5,3. Lo rilevano le prime stime dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).

11.26 Ancora una forte scossa

Anche questa vista in diretta su SkyTg24 dunque sentita con forte intensità anche nella Capitale.

11.25 La seconda, forte scossa avvertita nelle Marche

La nuova forte scossa di terremoto, delle 11.14, intensa e piuttosto lunga, è stata avvertita in tutte le Marche.

11.20 Paura nei licei romani

La scossa di terremoto, avvertita distintamente anche a Roma, ha provocato paura in diversi licei della capitale. Decine le chiamate al numero della protezione civile di Roma da parte dei responsabili degli istituti ai quali viene consigliato di seguire le procedure e far scendere gli studenti nei cortili.

11.20 Stop dei treni in Abruzzo

Dopo la scossa di terremoto, Ferrovie dello Stato ha deciso lo stop dei treni, per verifiche, sulle tratte ferroviarie Terni-Rieti-L’Aquila-Sulmona (fino alle 17) e Sulmona-Avezzano (fino alle 19). Si stanno organizzando corse per autobus sostitutivi A L’Aquila, dipendenti di molte aziende sono usciti temporaneamente, come previsto in questi casi, per consentire primi controlli. Per la neve che sta cadendo dalla notte, molti cittadini hanno preferito invece non lasciare le loro case. Gente in strada a Teramo

11.14 Altra forte scossa avvertita anche a Roma

In diretta su SkyTg24 si è visto chiaramente la telecamera ondeggiare.

11.10 Sindaco di Accuomoli: «Non mi segnalano criticità particolari»

«A parte qualche crollo nella zona rossa, che immagino ci sia stato, non mi segnalato particolari criticità in seguito alla scossa delle 10.25. Stiamo tentando di raggiungere Accumoli ma c’è molta neve». È quanto ha detto all’ANSA il sindaco di Accumoli, Stefano Petrucci.

11.04 Scossa avvertita anche in Romagna

È stata avvertita anche in Romagna, la scossa di terremoto di magnitudo 5.3 avvenuto a una profondità di 9 chilometri in un’area compresa tra il Reatino e l’Aquilano. Il sisma è stato percepito – soprattutto ai piani più alti delle abitazioni – dal Riminese al Cesenate, dal Forlivese al Ravennate. Al momento non si segnalano danni.

11.03 Vigili fuoco, al momento non ci sono richieste di soccorso

Decine di telefonate ai centralini ma al momento nessuna richiesta di soccorso dopo la scossa di terremoto. È quanto si apprende dai vigili del fuoco anche se le verifiche sono ancora in corso e sono rese ancora più complicate dalla neve. Un elicottero decollato da Pescara è in volo nella zona dell’epicentro

11.01 Scossa a 28 km da Ascoli Piceno, a 111 da Roma

Rispetto ai capoluoghi e a Roma, la scossa di terremoto delle 10.25 di oggi è avvenuta 28 chilometri a sud-ovest di Ascoli Piceno, 36 chilometri a nord dell’Aquila e 111 chilometri a nord-est della Capitale.

11.00 scuole evacuate a Rieti

Gli studenti di diverse scuole di Rieti sono stati fatti uscite precauzionalmente, come previsto dai piani di sicurezza, in seguito alla scossa di magnitudo 5.3 registrata alle 10.25 di questa mattina. Gli edifici scolastici sono stati così evacuati a seguito della scossa.

10.57 Udienze sospese al tribunale di Ancona

Udienze sospese al tribunale di Ancona, dove la scossa di terremoto di magnitudo 5.4 è stata nettamente avvertita. In particolare al quinto e ultimo piano, dove era in corso un’udienza del processo per le spese dei gruppi consiliari, con tre imputati. Ci sono state di panico e il presidente del collegio giudicante Giovanni Spinosa ha invitato tutti alla calma. Poi ha disposto la sospensione dell’udienza, sia per eventuali verifiche sia per permettere a tutti di mettersi in contatto con i familiari.

10.53 Crolli ad Amatrice

Nelle zone terremotate, nei comuni di Amatrice e Accumoli, si sono verificati alcuni crolli, come nel caso di un cornicione della Scuola Alberghiera di Amatrice che ha ceduto in seguito alla scossa. I Vigili del Fuoco stanno compiendo ulteriori verifiche ad Amatrice e Accumoli, rese complesse dalla presenza di molta neve.

10.30 Epicentro tra Amatrice (Rieti) Capitignano e Campotosto

Si trova nella zona di Montereale l’epicentro del terremoto di magnitudo 5,3 avvenuto oggi fra L’Aquila e Rieti, secondo i dati dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).

 

http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2017/01/18/ASoj4gyF-avvertita_aquila_terremoto.shtml

 

 

 

(Visited 7 times, 1 visits today)