• Dom. Gen 17th, 2021

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Sloggiare i militari per fare posto ai clandestini, questa la nuova direttiva del Governo Renzi /Alfano/ Pinotti

DiPaul Polidori

Ago 12, 2016

Il progetto folle del Governo mondialista di Renzi e Alfano: si inizia con il consegnare le caserme agli immigrati, poi…… si sequestreranno le case sfitte, le palestre e le scuole.

Il Governo Renzi/Alfano, succube delle direttive ricevute dalle centrali di Bruxelles e degli altri organismi sovranazionali, continua con la sua politica folle di accoglienza sempre e comunque delle masse di immigrati e clandestini che si riversano ad ondate continue sulle coste italiane.
Ogni giorno arrivano migliaia di migranti sulle coste italiane, notizia quasi oscurata dai media, che poi si riversano nelle città, in particolare nel Nord Italia, come Milano, Ventimiglia (al confine francese), a Como, a Bolzano (in prossimità del Brennero) da dove vengono respinti tutti i migranti clandestini che cercano di attraversare il confine.

I paesi europei confinanti con l’Italia rifiutano di lasciar passare queste persone e li rispediscono in Italia, rimasta l’unico paese a non aver chiuso le frontiere alla migrazione clandestina.


Per evitare l’assembramento di migranti su città come Milano, Como e le ovvie conseguenze di degrado nelle zone urbane, il Governo ha trovato l’idea “geniale” di destinare le caserme alle masse di immigrati per risolvere la situazione che continua ad aggravarsi ed ad esasperare buona parte dei cittadini che si trovano a dover affrontare le conseguenze della sciagurata politica del governo in termini di insicurezza, degrado e delinquenza.
Dopo che Giuseppe Sala, sindaco di Milano, allarmato per la situazione critica di migliaia di migranti accampati nelle strade e piazze della città meneghina, aveva chiesto aiuto al Governo, si è avuta da questo Governo la “svolta decisiva”. Lo stesso sindaco aveva fatto presente ieri la necessità di trovare nuovi spazi per l’accoglienza, accennando alla possibilità di una tendopoli (salvo poi smentire subito dopo).

Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, consultatasi con Renzi e Alfano, ha deciso di fornire la disponibilitàdi una caserma, la Mondello, nella zona nord di Milano, nonostante questa sia utilizzata da un reparto militare. I militari attualmente presenti nella caserma, circa 350 con le loro famiglie, sono costretti a traslocare altrove lasciando la caserma per l’alloggio dei migranti.
Questo costituisce un grave precedente, visto che a breve altri prefetti e sindaci chiederanno la destinazione di altre caserme ai migranti, per risolvere nell’immediato il problema anche quando all’interno delle caserme vi siano reparti militari delle varie armi. Sloggiare i militari per fare posto ai clandestini, questa la nuova direttiva del Ministero di Alfano e della Pinotti.

Possiamo prevedere che, dal momento che il flusso dei migranti non accenna a diminuire ma anzi aumenta in forma esponenziale, visto che ormai la voce dell’accoglienza fornita dall’Italia gira per tutta l’Africa, sarà inevitabile, dopo le caserme, pensare ad altre soluzioni quali, ad esempio, la requisizione delle case sfitte, degli ex capannoni industriali, delle palestre fino ad arrivare alle scuole ed altri edifici pubblici.
Si ha notizia che le mafie dei trafficanti arabo -africani stanno sospingendo sempre più gente a partire dal CentrAfrica per incrementare il proprio business e le trasferte sono sempre più organizzate, finanziate anche da alcune ONG, con possibilità di sfruttamento di mano d’opera schiavizzata in Libia per alcuni mesi, prima dell’imbarco. Il traffico di esseri umani, convinti a partire con le buone o le cattive, rende molti soldi ai trafficanti, alle mafie ed agli scafisti,fino ad arrivare poi in Italia dove la gestione viene presa in carico dalle Coop, che realizzano il proprio business sulla pelle dei migranti.

Per chi non lo avesse ancora capito, è arrivata l’ora di “suonare la sveglia” e comprendere quello che sta accadendo realmente.
Non bisogna meravigliarsi della caparbietà con cui il Governo della sinistra mondialista si ostina ad incrementare e facilitare quella che si profila come una vera e propria invasione del territorio italiano: abbiamo sostenuto già da tempo nei nostri articoli che le migrazioni di massa sono utilizzate come arma strategica da parte delle centrali del potere dominanti per scardinare e disarticolare l’assetto sociale dei paesi europei destinati ad essere assoggettati e omologati al dominio dell’impero anglo USA.

Niente avviene per caso ed il fenomeno delle migrazioni è tutt’altra cosa che un fenomeno “spontaneo” ed “ineluttabile” come la propaganda mondialista lo vuole dipingere.
La destabilizzazione prodotta dagli anglo -USA-sauditi nel Medio Oriente, in Libia e nell’Asia (Afghanistan) ha prodotto come conseguenza diretta una migrazione di massa che viene peraltro sospinta , incentivata e finanziata dalle ONG anglosassoni e dalla Turchia (paese NATO e già pedina dell’Impero USA) verso l’Europa.

Bisogna comprendere che il principale obiettivo di lungo termine delle centrali mondialiste è quello disostituire le identità nazionali e distruggere la cultura originaria che si oppone al mercato globale e che rivendica l’autonomia delle comunità locali, sostituirla con una massa indifferenziata di varie etnie e culture che risulti più facimente omologabile al sistema e che non abbia i mezzi culturali per opporsi alla catechizzazione del nuovo ordine.

Contestare soltanto la presenza dei migranti, come si limitano a fare alcuni esponenti della Destra (dalla Lega a F.lli D’Italia), non serve a nulla se non si affrontano le cause vere del fenomeno e se non si denuncia lamano occulta degli organismi sovranazionali che pilotano l’invasione per i loro fini.
Si prefigura ormai quale sarà lo battaglia decisiva in Italia come in altri paesi europei per la loro sopravvivenza etnica e nazionale : difendere e preservare la propria identità nazionale, culturale ed etnica o lasciarsi sommergere nel cosmopolitismo e lasciar imporre lo schema della società multiculturale, globalizzata ed uniformata al mercato unico, con i suoi effetti sicuri di decadenza economica, culturale e di perdita di sovranità ed autonomia nazionale a favore di istituzioni dominate dalla finanza, obiettivo questo conclamato delle forze mondialiste e delle centrali finanziarie sovranazionali.

 

Milano-migranti-accampati

http://www.controinformazione.info/sloggiare-i-militari-per-fare-posto-ai-clandestini-questa-la-nuova-direttiva-del-governo-renzi-alfano-pinotti/

(Visited 8 times, 1 visits today)