Sospeso lo sciopero ad Amazon, sindacati soddisfatti

Torna la calma, e l’operatività piena, nel centro distribuzione Amazon di Passo Corese, dove nella giornata di martedì si è assistito al primo sciopero del personale – o di una cospicua parte di esso – dall’apertura della megastruttura in terra sabina, nel 2017. E qualche risposta dell’azienda, sulle questioni di sicurezza sollevate da alcune rappresentanze sindacali che lamentavano lo scarso attivismo del colosso americano nel tutelare l’incolumità dei propri dipendenti a fronte dell’emergenza Coronavirus, sembra essere già arrivata. Almeno a sentire chi lo sciopero lo ha promosso e sostenuto (il Corriere di Rieti ha chiesto informazioni direttamente ad Amazon, senza però avere alcuna risposta), ovvero i rappresentanti di Filt-Cgil e Nidil, Massimo Pedretti e Mihai Popescu: “Dopo le mobilitazioni di questi giorni, Amazon ha scaglionato le pause ogni quarto d’ora per ridurre l’afflusso di persone nelle aree comuni e chiuso il bar esterno, troppo piccolo per poter rispettare le disposizioni in materia di sicurezza – dicono i due sindacalisti – sono stati riorganizzati i turni di lavoro per ridurre il personale presente contemporaneamente nel magazzino e, nel reparto Afe, le postazioni sono state distanziate fino a 3,5 metri, sono stati definiti percorsi per far defluire il personale a fine turno e anche nella mensa.

https://corrieredirieti.corr.it/news/home/1532056/rieti-passo-corese-sciopero-rientrato-sicurezza-lavoro-sindacati.html
(Visited 58 times, 1 visits today)