• Dom. Nov 29th, 2020

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Svelati i servizi segreti del Vaticano

DiPaul Polidori

Mag 28, 2016

Ciò di cui mi accingo a parlarvi non lo troverete su Google né sulle enciclopedie, e il motivo è semplice: si tratta di una delle strutture di servizi segreti più segreta al mondo. I servizi segreti del Vaticano. Si chiama Istituto Gesuitico di Studi Vaghi (IGESVA) e la sede principale è in via dei Cherubini 32, a Roma.
L’Istituto è forse il miglior esempio di agenzia d’intelligence che esista, perché da un lato non ha nessun vincolo democratico quindi non è soggetto a trasparenza, e dall’altro possiede risorse illimitate. Ne avevate mai sentito parlare? Appunto…
In realtà perfino dentro il Vaticano sono davvero pochi a conoscerne l’esistenza: il papa, cui al momento della nomina viene svelato l’intero dossier da parte del segretario di stato. Il direttore dell’Istituto, la cui nomina viene ogni volta rimessa in mano al nuovo papa; attualmente, pure se non è ufficiale (non lo è mai per statuto), il nome del suo direttore è da vari decenni quello di mons. Novacek. E infine alcuni pochissimi alti prelati scelti dal papa per coadiuvarlo nei rapporti con l’Istituto.
Di che si occupa l’Igesva? I compiti istituzionali sono di spionaggio e controspionaggio, articolati in diverse branche della struttura. Tuttavia nel corso della storia le sue mansioni sono andate ben aldilà di ciò che si potrebbe dichiarare pubblicamente. Il nome era stato scelto non senza ironia da qualche alto prelato dotato di umorismo, ma in realtà c’è ben poco di spiritoso nella struttura che si è voluta creare e che risale ai primi anni Settanta, sulla scia delle vecchie scuole gesuitiche rivolte ai problemi della guerra fredda.
Guardandolo dall’esterno il suo monumentale palazzo, antico come il clero, appare orribile, volutamente trascurato, ma una volta dentro si scoprono ambienti enormi dai soffitti affrescati, fra pareti di mattoni a vista perfettamente restaurate, sotto archi a tutto sesto o a crociera. Le sale rivestite di librerie e archivi, e quelle più alte attraversate a metà da complicati ballatoi da cui si diramavano ulteriori scaffali di libri e terminali: sotto quelle volte centenarie lavorano decine e decine di computers collegati con tutte le reti mondiali; grandi schermi video e centraline telematiche tengono sotto controllo notizie, statistiche, documenti di ogni sorta da ogni parte della terra, dall’articolo di cronaca nera apparso sul quotidiano locale di una cittadina del Perù, alle maggiori e complete interpretazioni storico-scientifiche sulla Scuola di Pietroburgo o sui movimenti islamici minori dello Yemen del Nord. Tutto informatizzato, analizzato, valutato, studiato ed espresso in continui scenari di geopolitica. Alcune di queste analisi non servono costantemente solo ai vertici ecclesiastici ma vengono appositamente trasmesse a chi le richiede, governi di paesi amici, diplomazie di tutto il mondo, collaboratori di università straniere, studiosi, giornalisti. Spesso si tratta di innocue ricerche scientifiche sui flussi politici, storici, sociali di situazioni internazionali, attuali o passate, ricerche che al momento giusto possono essere tranquillamente divulgate e fornirebbero materiale di prima scelta agli scienziati e politologi del mondo intero.
Altre volte vengono commissionati sondaggi particolari e top secret su precisi scacchieri finanziari e strategici, per esempio, di uno stato o di un avvenimento, e allora le pratiche sono codificate in una scala di livelli dove la Doppia Alpha rappresenta il massimo criterio di segretezza.

 

l43-vaticano-120529163129_medium

http://www.uaar.it/news/2008/02/17/svelati-servizi-segreti-del-vaticano/

 

(Visited 28 times, 1 visits today)