Templi e grattacieli, il Giappone sospeso tra passato e futuro