Terremoto a Ischia, due morti. Crolla abitazione, sette persone sotto le macerie. Oltre 20 feriti, alcuni molto gravi

È di due morti, dieci dispersi e oltre venti feriti il bilancio della scossa di terremoto di magnitudo 3.6, poi ricalcolata di magnitudo 4 come comunica la Protezione civile, che ha colpito Ischia e la costa flegrea. Centinaia le persone in strada, molti danni nel comune di Casamicciola dove sarebbero crollate sei case. Una delle due vittime è una donna colpita dai calcinacci della chiesa di Santa Maria del Suffragio. Un intero nucleo familiare di sette persone imprigionato dopo il crollo della propria abitazione: estratti vivi un uomo e una donna, salvata anche una donna anziana, si cercano tre bambini, uno dei quali di sette mesi. Al momento risulta dispersa anche un’altra donna. Fra Casamicciola e Forio i dispersi sarebbero in tutto dieci. I feriti sono 25, alcuni molto gravi. Distrutta la chiesa del Purgatorio, isolati numerosi alberghi.
 

Terremoto a Ischia: ”La terrazza dell’hotel ha tremato e abbiamo sentito il boato del mare”

La scossa. Registrata in mare a una profondità di 10 chilometri, la scossa è stata avvertita distintamente anche in altre zone dell’isola, come Barano e Forio. I comuni più vicini all’epicentro sono Forio, Serrara Fontana, Lacco Ameno, Barano d’Ischia e Casamicciola Terme. Decine e decine di telefonate sono giunte ai vigili del fuoco. Le squadre dei pompieri impegnate sul fronte degli incendi sono state dirottate nelle aree colpite.
 

Terremoto a Ischia, crolla un edificio a Casamicciola

La testimonianza. “Ho visto lesioni lungo una parete della struttura alberghiera che ci ospita. Al momento della scossa siamo fuggiti tutti in strada. Ho avuto tanta paura”. Così all’agenzia Ansa un professionista, A.P., in vacanza sull’isola, a Lacco Ameno. “Mi stavo preparando per scendere – dice – quando si è avvertita la scossa, breve ma intensa. Siamo andati tutti in strada e ora mi accorgo di lesioni lungo alcuni muri della struttura”.

La magnitudo. Al momento il valore di 4.0 è la stima più attendibile della magnitudo. Il nuovo valore è riportato sul sito dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) e si riferisce alla magnitudo calcolata sulla base della durata dell’evento (MD). Il precedente valore di 3.6 si riferiva invece alla magnitudo locale (ML). I sismologi del Centro nazionale terremoti dell’Ingv sono al lavoro per calcolare il valore definitivo.

 

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2017/08/21/news/scossa_di_terremoto_panico_a_ischia-173550278/

 

(Visited 18 times, 1 visits today)