Terremoto in Nepal, oltre 7000 morti «Nessuna possibilità di superstiti»

2015-05-02T145206Z_848141695_GF10000081433_RTRMADP_3_QUAKE-NEPAL-032-ksAB-U43080444451643quB-593x443@Corriere-Web-Sezioni

Secondo il ministero dell’Interno non ci sono speranze di trovare qualcuno ancora in vita. Sono oltre 14 mila i feriti. L’appello di Totti per aiutare i bambini

È sempre più pesante il bilancio del terremoto che sabato 25 aprile ha devastato il Nepal. Secondo i dati resi noti dal ministero dell’Interno di Kathmandu le vittime sono salite a 7.040, di cui 54 stranieri e i feriti sono oltre 14 mila. Sempre secondo il ministero: «Non c’è più alcuna possibilità di trovare superstiti dopo il devastante terremoto che ha colpito il Nepal sabato scorso. Stiamo facendo del nostro meglio nelle operazioni di salvataggio e aiuto, ma adesso non penso che ci sia alcuna possibilità di trovare sopravvissuti» ha detto il portavoce del ministero dell’Interno Laxmi Prasad Dhaka. L’ultima persona trovata viva è stata una donna di 24 anni, tratta in salvo la notte di giovedì dalle squadre di soccorso di Nepal, Israele e Norvegia, dopo 128 ore passate sotto i detriti di un edificio di Katmandu.

Ritardi nella consegna di aiuti

Le Nazioni Unite hanno inoltre espresso «estrema preoccupazione» per i presunti ritardi delle autorità nepalesi nella consegna degli aiuti alla popolazione: Valerie Ramos, sottosegretario generale Onu con delega per gli Affari Umanitari, in proposito ha riferito di aver sollevato il problema con il premier Sushil Koirala, ricevendone rassicurazioni. Stando a numerose fonti, i generi di prima necessità in arrivo per via aerea rimarrebbero a lungo bloccati nel piccolo scalo di Kathmandu, e altri sarebbero addirittura stati respinti dalle autorità doganali alle frontiere con l’India. Amos, al termine di una visita nel Paese himalayano, ha anche ricordato la difficoltà di far arrivare i soccorsi alle aree di montagna più remote., come la regione di Gorkha, dove i soccorsi fanno fatica ad arrivare a causa dell’interruzione di molte strade. Fino ad oggi ammonta a circa 68 milioni di dollari la risposta di tutta la comunità internazionale all’emergenza terremoto in Nepal. In particolare, tre milioni di euro sono stati stanziati dalla Commissione Ue in risposta alle emergenze più immediate. Altri 25 milioni da Stati dell’Unione.

http://www.corriere.it/esteri/15_maggio_02/terremoto-nepal-oltre-7000-morti-nessuna-possibilita-superstiti-d35a5568-f0e7-11e4-a840-81cad89c3055.shtml

(Visited 4 times, 1 visits today)