Tolta la scorta al capitano Ultimo, sui social scoppia la polemica | Rita dalla Chiesa: “Saviano sì e lui no?”

Forza Italia chiede lʼimmediato intervento di Salvini: “La mafia non uccide solo dʼestate”

Sergio De Caprio, conosciuto come il “capitano Ultimo”, dal prossimo 3 settembre non avrà più la scorta. L’uomo che nel 1993 arrestò il boss dei boss di Cosa Nostra, Totò Riina, non sarà più sotto protezione. E sui social scatta subito la polemica anche grazie a Rita dalla Chiesa che in maniera provocatoria ha domandato: “Perché Saviano sì e lui no?”

“In questo foglio c’è scritto che, dal 3 settembre, verrà tolta la scorta al Capitano Ultimo. A colui che arrestò Totò Riina. Il 3 settembre venne anche ucciso mio padre. Ministro Matteo Salvini lei sa di questa aberrante decisione? La scorta a Saviano sì, e a Capitano Ultimo no?”. Questo lo sfogo di Rita Dalla Chiesa su Facebook, allegando la foto della parte di un provvedimento di revoca della scorta al colonnello Sergio De Caprio.

Ed è Forza Italia a fare quadrato per spingere l’intervento di Salvini. “Caro Matteo Salvini – scrive Giorgio Mulè deputato e portavoce dei gruppi di Forza Italia alla Camera e al Senato – siccome la mafia non uccide solo d’estate e se ti condanna a morte la sentenza non viene mai annullata, usa la santa cortesia di provvedere subito alla sicurezza di Ultimo. Revocare la protezione a chi arrestò Riina è da vigliacchi”.

“Se fosse vero – fa eco la deputata azzurra Deborah Bergamini – che fra pochi giorni tolgono la scorta al Capitano Ultimo – mentre continuano a concederla a Saviano – vorrebbe dire che viviamo in uno Stato che non sa essere Stato. Matteo Salvini può evitare questa ingiustizia”.

 

http://www.tgcom24.mediaset.it/politica/notizia_3159713201802a.shtml

 

(Visited 12 times, 1 visits today)