Truppe dell’Isis a fianco dell’Ucraina contro i separatisti russi

1436524186-image-0

Lo rivela il NY Times: Kiev ha inquadrato in tre formazioni i miliziani jihadisti dell’Emirato del caucaso affilianto al Califfato

Non passa giorno che le autorità diplomatiche americane non dicano di essere pronte a riaprire i rapporti con Mosca, soprattutto per quanto riguarda la lotta all’Isis.

Eppure, nello stesso momento, accettano che al fianco delle truppe nazionaliste ucraine che stanno fronteggiando i separatisti filorussi nel Donbass combattano gli islamisti.

A confermarlo è un reportage del New York Times, che riporta il racconto della guerra “contro Putin” delle tre milizie cecene schierate con Petro Poroshenko, i cui combattenti provengono quasi esclusivamente da quell’Emirato del caucaso che ha dichiarato fedeltà al Califfato dell’Isis.

“Ci piace combattere i russi – dice al Nyt il comandante di uno dei tre battaglioni islamisti – abbiamo sempre combattuto i russi”. Ci sono circa 30 miliziani per ognuna delle tre truppe, la “Dzhokhar Dudayev” e la “Sheikh Mansur”, che sono a prevalenza cecena, e la “Crimea”, dove sono inquadrati soprattutto tatari della regione ora sotto il controllo di Mosca.

I combattimenti in Ucraina, nonostante la pace di Minsk, si stanno spostando versoMariupol. Per fermare la possibile avanzata dei filorussi, l’esercito ucraino sta ricorrendo sempre più massicciamente a truppe di volontari. Tra cui, appunto, gli islamisti ceceni amici di Al-Bahgdadi. “In Ucraina – riporta il Nyt – si dice che il grido “Allahu Akbar” delle truppe cecene sia quello che più di tutti intimorisca i soldati filorussi”.

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/battaglioni-islamisti-dellisis-fianco-dellucraina-contro-i-s-1150353.html

(Visited 9 times, 1 visits today)