• Lun. Nov 30th, 2020

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Un buco nero gigantesco nell’universo primordiale

DiPasquale Stavola

Mar 25, 2015

112513749-3c55d19c-2a1d-4e4a-8612-526c705439f1

Scoperto un buco nero che risale a soli 875 milioni di anni dal big bang, quando l’universo aveva appena il sei per cento dell’età attuale. Dotato di una massa pari a 12 miliardi di masse solari, si tratta dell’oggetto più massiccio e luminoso di questo tipo mai osservato nell’universo distante

Ogni galassia massiccia nell’universo ha un buco nero supermassiccio al suo centro. Secondo gli attuali modelli, questi buchi neri si sarebbero formati nel cosmo primordiale con masse iniziali tra 100 e 100.000 masse solari.

Ora, un nuovo studio pubblicato su “Nature” a firma di Xue-Bing Wu dell’Università di Pechino e colleghi di una collaborazione internazionale ha confermato sperimentalmente l’esistenza nell’universo primordiale di un buco nero di eccezionali dimensioni: la sua massa stimata è pari a 12 miliardi di masse solari.

L’incredibile oggetto risale a 875 milioni di anni dopo il big bang, cioè a un’epoca in cui l’età dell’universo era solo il sei per cento di quella attuale, ed è stato osservato in una delle regioni più remote del cosmo. Considerato che la luce impiega un certo tempo per attraversare lo spazio e giungere fino ai nostri rivelatori, gli oggetti più lontani ci appaiono com’erano in un’epoca primordiale dell’universo.

La scoperta è avvenuta utilizzando i dati raccolti in tre diversi programmi di osservazione del cosmo profondo: Sloan Digital Sky Survey, 2MASS (Two Micron All-Sky Survey) e Wide-field Infrared Survey Explorer. In particolare, gli autori hanno analizzato i dati di quasar distanti.

http://www.lescienze.it/news/2015/02/26/news/buco_nero_gigantesco_universo_primordiale-2499905/

(Visited 14 times, 1 visits today)