Vaticano in imbarazzo per i diplomatici gay