Wikileaks, “Nsa ha spiato il Giappone. Intercettati ministri e aziende private”

shinzo-abe-675

Il sito di Julian Assange pubblica documenti classificati come “top secret”. Sotto controllo anche funzionari governativi, Banca centrale giapponese e due colossi industriali come Mitsubishi e Mitsui

Altra crisi diplomatica in vista per gli Usa. E, ancora una volta, ad accendere la miccia sono le rivelazioni di Wikileaks sulle attività di spionaggio dell’Nsa ai danni di un paese “amico”. I documenti pubblicati sul sito di Julian Assange indicano che nel periodo tra il 2007 e il 2009 i servizi segreti statunitensi avrebbero messo in atto una campagna di spionaggio nei confronti del Giappone, ottenendo informazioni riservate sulle strategie economiche e industriali del governo nipponico.

I documenti pubblicati sono sei. Il primo è un elenco di 35 “bersagli” sottoposti alle intercettazioni, tra cui numerosi esponenti del governo, della Banca centrale giapponese e due colossi industriali come Mitsubishi e Mitsui, entrambi operanti nel settore energetico. Gli altri cinque sono report classificati “Top Secret” che chiariscono il tipo di informazioni a cui l’Nsa puntava nel controllare l’estabilishment nipponico. Le intercettazioniriguardano le politiche messe a punto dal premier Shinzo Abe (al governo tra il 2006 e il 2007 e tornato alla guida del paese nel 2012) in tema di emissioni di anidride carbonica e le strategie del governo nell’ambito delle negoziazioni, sempre sullo stesso tema, con l’Agenzia internazionale dell’energia.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/31/wikileaks-nsa-ha-spiato-anche-il-giappone-intercettati-ministri-e-aziende-private/1923932/

(Visited 16 times, 1 visits today)