• Lun. Giu 17th, 2024

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Applausi scroscianti per Domenico Quirico ai Martedì Letterari

DiPaul Polidori

Mar 6, 2024

CIADD NEWS 24... in diretta RADIO e TV

Un pubblico attento e numeroso ha seguito Domenico Quirico , ieri nel
teatro dell’Opera del Casinò nella presentazione del saggio
Kalashnikov (Rizzoli).
Domenico Quirico, editorialista de La Stampa, inviato di guerra, autorevole
saggista, ha analizzato diversi scenari di guerra dagli anni 80 ad oggi, dove
il nome di un’arma da tutti conosciuta, tristemente nota, diventa il simbolo
della malvagità della guerra che sconfina nelle mani dei bambini, e che
sembra non aver fine. La contemporaneità è malata di indifferenza,
superficialità, o forse solo di un istinto di sopravvivenza che spesso induce ad
andare oltre, a superare problemi che non competono, guerre che sembrano
sempre lontane. Di tutto questo diventa simbolo l’arma di cui tutti hanno
sentito il triste nome, presente dove la malavita prospera o dove la guerra
impone di avere un’arma per potersi difendere o sparare per primi. Nel
panorama dei conflitti del Novecento e di quelli attuali che chi scrive ha
spesso vissuto come inviato in prima persona appare la figura di chi ha
inventato il fucile di cui la cultura sovietica va fiera Michail Kalashikov, un
nome che incute timore un eroe della sua nazione che nel volume vorrebbe
dimenticare l’orrore sprigionato dalla sua arma perfetta , funzionale anche nel
prezzo e nella semplice reperibilità e sostituibilità. Il fucile diventa parte
integrante di chi la possiede, un copione che si ripete sino all’Ucraina sino a
Gaza. «Questo non è un libro su un’arma. Questo è un libro sul Male», ci
avverte Domenico Quirico
Durante l’incontro ha portato il saluto istituzionale l’assessore alla Cultura
Silvana Ormea. Franco La Sacra, direttore artistico della Compagnia “Il
Teatro dell’Albero” ha letto alcuni brani dall’opera.

Martedì 12 marzo ore 16.30 la giornalista scrittrice Claudia Fachinetti presenta il
libro:” Lasciami andare. Quando le orche arrivarono a Genova” (Piemme). Partecipa la
biologa Sabina Airoldi (Istituto Tethys – Santuario Pelagos).

(Visited 9 times, 1 visits today)
Invia un messaggio
1
Dir. artistica Emanuela Petroni
Salve, posso esserti utile ?