• Ven. Nov 27th, 2020

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Come aiutare un cane avvelenato: nozioni di primo soccorso

DiPaul Polidori

Apr 19, 2016

Purtroppo ormai ogni giorno si leggono sui giornali storie di cani morti per avvelenamento. Le cause sono molteplici, perché a volte non è solo la cattiveria umana a causare il decesso degli amati 4 zampe. Infatti, gli animali, potrebbero rimanere intossicati anche da qualcosa ingerito casualmente in strada o al parco. Motivo per cui bisogna sempre tenere gli occhi aperti e insegnare al proprio cucciolone a non mangiare la prima cosa che gli capita da terra, ma anche imparare alcune regole di primo soccorso che potrebbero fare la differenza. Per prima cosa, però, è bene distinguere tra le diverse sostanze.

Va detto subito che i veleni più comuni usati da chi prepara esche killer per cani sono la stricnina, il metaldeide, i diserbanti e i veleni contro i topi, che agiscono velocemente e, se non diagnosticati velocemente, sono letali. Con questo tipo di sostanze, infatti, dai 30 minuti alle 2 ore dopo l’ingestione il cane può presentare i seguenti sintomi: gli arti si irrigidiscono, aumenta la salivazione, l’animale inizia a respirare con difficoltà. Ci possono essere anche crisi convulsive, con vomito e diarrea.

A volte, però, possono anche essere usati veleni emorragipari, che agiscono in modo più lento manifestandosi dopo qualche giorno dall’ingestione con emorragie interne che provocano al cane pallore delle mucose, respirazione difficoltosa e un fortissimo stato di stanchezza. Talvolta si possono manifestare emorragie nasali, ma non c’è quasi mai vomito. Diverso il discorso per i veleni che agiscono danneggiando il sistema gastro-intestinale: in questo caso compaiono vomito e diarrea anche emorragica, con forti dolori addominali.

COME SOCCORRERE UN CANE AVVELENATO E SALVARGLI LA VITA

Ovviamente, in caso di sospetto avvelenamento del proprio animale, la prima cosa da fare è mettersi in contatto telefonico con il vostro veterinario di fiducia o con il centro veterinario più vicino. Nell’attesa dell’arrivo del medico e dopo averlo consultato a riguardo, però, si può cercare eventualmente di far vomitare il cane: utile a questo scopo, in assenza di farmaci appositi, la somministrazione di acqua abbondantemente salata oppure di chiara d’uovo montata a neve. Bisogna anche cercare di mantenere l’animale tranquillo ed evitare qualsiasi inutile stimolo sonoro o visivo che possa contribuire a scatenare una crisi convulsiva. In ogni caso, mai e poi mai dare al cane del latte da bere.

avvelenamento

Come aiutare un cane avvelenato: nozioni di primo soccorso

(Visited 24 times, 1 visits today)