• Ven. Giu 21st, 2024

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

LA LINGUA ITALIANA E QUELLA NAPOLETANA SI FONDONO NELL’ESSENZA DELL’AMORE IN “COSÌ NON FINIRÀ”, IL NUOVO SINGOLO DI PATRIZIA KOLOMBO E GIANNI NEGRI

DiPaul Polidori

Mag 17, 2024
xr:d:DAFvo77C_30:23,j:5628796531280214552,t:24032615

CIADD NEWS 24... in diretta RADIO e TV

“Non una semplice canzone d’amore, ma un viaggio nella profondità dell’anima”: con queste parole Patrizia Kolombo descrive “Così Non Finirà“, il suo nuovo singolo realizzato in collaborazione con Gianni Negri. Il brano, disponibile per Pako Music Records sia in italiano che in una sentita versione in lingua napoletana capace di impreziosire la narrazione con un livello aggiuntivo di intimità e personalizzazione, mette in risalto le radici di un racconto la cui vera essenza risiede nel legame tra gli innamorati, l’uno nel cuore dell’altro.

Ascolta su Spotify.

Una finestra personale e universale al tempo stesso, unica nelle sue molteplici sfaccettature, che si apre sullo scenario di emozioni totalizzanti, in grado di andare ben oltre le convenzionali dichiarazioni romantiche. Attraverso la fusione di melodie dolci, avvolgenti ed evocative e liriche fortemente penetranti, i due artisti invitano a riflettere sulle proprie esperienze amorose, cantando non solo il sentimento più alto al mondo, ma mettendo a nudo le complessità e le contraddizioni che spesso lo caratterizzano.

La musica, composta da Gianni Negri, e il testo, scritto da Patrizia Kolombo, si immergono nella gioia e nelle paure intrinseche all’amore, offrendo agli ascoltatori un’analisi sincera e riflessiva su cosa significhi veramente amare qualcuno, andando oltre la superficie per toccare le dinamiche più intime del cuore.

Perché amare è meraviglioso, ma la paura di farsi o far del male, di ferire o di ferirsi, a volte ci impedisce di aprirci completamente all’altro. Questa esitazione nasce dalla consapevolezza delle vulnerabilità generate dal dare e ricevere affetto. Nonostante la luce intrinseca all’amore, il timore di esporre il proprio cuore agli imprevedibili colpi del destino può frenare i nostri passi verso l’intimità e la gioia più profonde. In “Così Non Finirà”, questo conflitto interiore è rappresentato con intensa empatia, riflettendo su quanto sia difficile, eppure essenziale, vincere queste paure per abbracciare pienamente la possibilità di un legame autentico e duraturo.

Il brano stimola a superare questi ostacoli, a fidarsi dei battiti che, scuotendoci da dentro, ci ricordano che stiamo vivendo davvero, che perdere il controllo può essere l’unica via per salvarci da una routine monocromatica e che, il rischio di soffrire, è un piccolo prezzo da pagare per scoprire la pienezza di un amore vero. Questa tematica trova eco ed espressione nel verso-chiave del brano, «Regalami il tuo tempo e tutto andrà nel verso giusto», un promemoria che sottolinea quanto il tempo condiviso e la presenza siano fondamentali nel consolidare una relazione. Queste parole, così potenti nella loro apparente semplicità, evidenziano l’investimento emotivo necessario per fronteggiare le incertezze dei rapporti di coppia, suggerendo che la dedizione e la pazienza possono guidare due persone verso una comprensione ed un’armonia più profonde, superando insieme ogni sfida, ogni dubbio, ogni avversità.

“Così non finirà”, con la produzione magistrale di Francesco De Rosa, svela anche un ulteriore livello di connessione e scoperta reciproca: mentre le fondamenta di una relazione si costruiscono su tempo e pazienza, si apre anche la porta ad una conoscenza più intima, spirituale e animica dell’altro. Un passaggio alla scoperta che viene magnificamente catturato nel verso «Siamo gente d’altri tempi, di un pianeta sconosciuto, siamo noi», evocando una sensazione di unicità e mistero che mette in luce come ogni amore introduca le persone in un universo completamente nuovo e sconosciuto, un mondo in cui, solo insieme, è possibile esplorare le meraviglie nascoste in un’unione sincera.

«Non ti cercavo io, ma ora che ci sei ti lego ai miei pensieri, sento la tua essenza… È simile alla mia»: in questa linea, Gianni Negri e Patrizia Kolombo ci prendono per mano e ci invitano a soffermarci su come spesso l’amore sorprenda, su quanto, nonostante le resistenze iniziali, la nascita di una sintonia inaspettata possa trasformare la percezione di un individuo su se stesso e sulla vita.

Il futuro, con tutte le sue incognite, è un tema ricorrente nel brano, che in «Ti vedo in un futuro che mi terrorizza ma tu stammi vicino, insieme sarà meglio», svela sì la vulnerabilità a cui l’amore ci espone, ma anche la forza incrollabile che può sbocciare dal sostenersi a vicenda, dall’affrontare insieme le paure e costruire un domani condiviso nonostante le incertezze.

«Questo brano – dichiara Patrizia Kolombo – è più di una canzone d’amore. L’intento è quello di riuscire a toccare l’anima di chi lo ascolta. È un inno alla complessità delle relazioni e alla paura che le accompagna. Ognuno di noi teme qualcosa: il futuro, l’amore, l’incertezza. Ma quando si incontra una persona, una connessione autentica, quando si riconosce qualcosa di bello, qualcosa che potrebbe essere giusto, le paure andrebbero messe da parte e per vivere appieno. È come scoprire un raggio di luce nella notte più buia».

La versione in napoletano, intitolata “O’ ssaje nun po’ fernì” e cantata pianoforte e voce dal solo Gianni Negri, impreziosisce la dimensione emotiva del brano grazie ad una lingua intrisa di storia e cultura. Questa variante, ancora più intima, crea un aggiuntivo legame con il pubblico, trasportandolo direttamente nel cuore della tradizione musicale napoletana e nell’essenza stessa della città. Anche la copertina della canzone, che raffigura Napoli, il suo mare e il Vesuvio, è un omaggio al capoluogo campano che aggiunge un prezioso strato di significato alla narrazione. Il Vesuvio, con la sua imponente presenza e la sua storia di eruzioni, rappresenta la forza e l’intensità delle emozioni in una relazione, mentre il mare, con le sue onde e la sua capacità di suscitare al contempo calma e tumulto, simboleggia il flusso delle esperienze nella vita di coppia.

Napoli, con la sua ricca storia, cultura e tradizione, riflette pienamente la complessità delle relazioni: questi elementi, combinati con il testo e l’interpretazione in napoletano, creano un connubio di bellezza, intensità e forza, permettendo all’ascoltatore di immergersi in un dipinto di sfumature di amore e di vita.

«Voglio spiegare perché la scelta di questa copertina – prosegue Patrizia Kolombo, concludendo –: il Vesuvio rappresenta l’amore e la passione, mentre il mare simboleggia la bellezza e la forza, ma anche la complessità delle storie d’amore. Ho scelto uno scatto su Napoli, che Gianni ha istantaneamente approvato, per invitare chi ci ascolta a vivere pienamente, ad abbracciare ogni sfaccettatura dell’amore e della vita con coraggio e speranza».

“‘Così Non Finirà’”, accompagnato dal suggestivo ed emblematico visual video ufficiale, è un’esperienza a tuttotondo, una canzone oltre la canzone, capace di celebrare l’amore nelle sue forme più vere e intense. Un brano che tocca direttamente l’anima, invitandoci a vivere le emozioni e le relazioni senza riserve. Una carezza in chiave pop-cantautorale che ci guida, ci avvolge e ci incoraggia a scoprire un nuovo modo di vivere noi stessi, gli altri e l’amore attraverso la musica.

Guarda il video.

Biografie.
Patrizia Kolombo è una cantautrice e discografica italiana nata nel cuore di Milano nel 1979. Destinata fin dall’infanzia a trasformare il mondo intorno a sé con la magia della sua creatività, si appassiona di musica e scrittura da bambina, coltivando un profondo amore per l’espressione artistica. Fin dall’adolescenza, dimostra un talento innato nell’utilizzare le parole, iniziando a giocare con i testi delle canzoni che amava. Questo passatempo innocente, si trasforma presto in una passione travolgente per la scrittura di testi inediti, che la portano a realizzare i suoi primi brani e ad essere apprezzata per la sua abilità autorale. Nel 2010, le sue collaborazioni con i compositori Giorgio Miriani e Fausto Torresan danno vita a brani memorabili, tra cui “Angelo Nero” e “Il sogno è la vita”, entrambi interpretati con maestria da Antonella Missaglia. Successivamente, Patrizia Kolombo scrive in sinergia con Giorgio, Fausto e Livio Boccioni, realizzando diversi singoli, alcuni dei quali sono stati inclusi nell’EP “Io ci sarò” di Lucia Murano. Ma è nel 2016 che il destino ha presentato a Patrizia un mentore e amico che avrebbe cambiato il corso della sua vita artistica: Oscar Cossali. Con lui, ha condiviso un’intensa alchimia professionale, che ha prodotto vere e proprie gemme musicali capaci di affascinare molti interpreti, tra cui Salvo_pb, e di incantare migliaia di ascoltatori. Il 2018 porta con sé la tragica perdita dell’amico e mentore Oscar. Tuttavia, grazie ai suoi insegnamenti preziosi e alla sua ispirazione duratura, Patrizia Kolombo trova la forza di trasformare il dolore in arte, scrivendo e componendo l’album di Salvo_pb “Non importa”, prodotto da Andrea Cattaldo del Phaser Studio di Milano. Nel corso degli anni, Patrizia ha continuato a far brillare la sua stella nel firmamento della musica italiana. A Giugno 2020, infatti, lancia il suo primo singolo ufficiale, “Stella del Mattino”, seguito da un altro successo, “Ricordi Venezia”, pubblicato il 4 Dicembre dello stesso anno. Ma il suo impegno per l’arte e la musica la spingono oltre: nel gennaio del 2021, fonda l’etichetta discografica PaKo Music Records, intraprendendo una nuova sfida che mette alla prova la sua determinazione e la sua creatività. Con questa nuova avventura, Patrizia Kolombo continua ad essere una forza inarrestabile nel mondo della musica, portando la sua passione e il suo talento verso nuovi orizzonti, mentre continua a lasciare il segno indelebile nel panorama musicale italiano con la sua profondità autorale.

https://www.instagram.com/kolombopatrizia/?utm_source=brevo&utm_campaign=Patrizia%20e%20Gianni%20per%20Red%20Gen&utm_medium=email


 Gianni Negri, al secolo Giovanni Sambiase, è un cantautore e polistrumentista italiano nato a Napoli il 13 Giugno 1980. Muove i suoi primi passi nella musica da giovanissimo, spinto dalla madre cantante da cui trae ed a cui dedica il suo cognome d’arte. Studia canto e solfeggio, suona il pianoforte, la chitarra e prende parte a numerosi concorsi ed eventi canori, riscontrando numerosi successi. Scrive la sua prima canzone all’età di 17 anni e, a partire dagli anni 2000, si esibisce su moltissimi palchi partenopei. Ex voce della band Angeli Metropolitani guidata da Gianfranco Caliendo ed ex chitarrista del Giardino dei Semplici, è stato direttore artistico per numerosi eventi culturali e, nel 2007, ha prestato la voce a Franky & Frog del film Disney “I Robinson – Una famiglia spaziale”. Oltre alle esperienze musicali, si dedica al teatro e per svariati anni canta e recita presso la compagnia stabile del Palaeden del parco divertimenti “Edenlandia” di Napoli. Dopo un periodo di stand by musicale, il 7 Dicembre 2018 esce il suo singolo di debutto ufficiale solista, “km. zero”, a cui seguono diverse release che gli consentono di farsi notare dall’etichetta discografica milanese PaKo Music Records, con cui firma, nel Gennaio 2023, il suo primo contratto discografico. Nel Dicembre dello stesso anno, dopo aver rilasciato una serie di brani che ne riconfermano eleganza e sensibilità, partecipa ad raduno annuale del Fan Club di Laura Pausini e realizza non solo il sogno di suonare sul palco con lei, ma anche quello di duettare sul singolo “Durare”, in una versione adattata in lingua napoletana, scritta dallo stesso Negri. A Maggio 2024, in collaborazione con Patrizia Kolombo, cantautrice e titolare di PaKo Music Records, dà vita a “Così Non Finirà”, un brano che racconta il coraggio di amare oltre il timore di soffrire, disponibile in italiano e in una suggestiva versione in lingua napoletana, intitolata “O’ssaje nun po’ fernì”. Dotato di un’incredibile capacità narrativa, di un graffio unico ed incisivo e di una vocalità istantaneamente riconoscibile, Gianni Negri dà suono e forma alle emozioni intrecciando la profonda verità delle sue liriche all’immediatezza dei ritmi e delle sonorità da cui sono avvolte.

https://www.instagram.com/gianninegrimusic_real/?utm_source=brevo&utm_campaign=Patrizia%20e%20Gianni%20per%20Red%20Gen&utm_medium=email

(Visited 8 times, 1 visits today)
Invia un messaggio
1
Dir. artistica Emanuela Petroni
Salve, posso esserti utile ?