• Gio. Mag 30th, 2024

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Primo Trofeo Casinò di Sanremo Antonio Semeria 2023nell’anno del decennale del Premio Letterario. Verràconsegnato a Maurizio Maggiani domenica 28 maggio ore 17.00in collaborazione con la prestigiosa Orchestra Sinfonica diSanremo

DiPaul Polidori

Mag 26, 2023

CIADD NEWS 24... in diretta RADIO e TV

Domenica 28 maggio ore 17.00 nel Teatro dell’Opera del Casinò
anteprima della cerimonia del Premio Letterario Internazionale “Casinò di
Sanremo Antonio Semeria” con una festa dedicata alla musica e alla
Letteratura. IL Premio celebrerà nel 2023 il suo decennale con tutta una
serie di appuntamenti che prevedono incontri con alcuni grandi interpreti
della Letteratura Contemporanea. Domenica 28 maggio sarà Maurizio
Maggiani a ricevere il Gran Trofeo Casinò di Sanremo Antonio Semeria
per l’Opera:” l’eterna gioventù.” Maurizio Maggiani si soffermerà sul suo
rapporto con la musica. L’attore Davide Lorino leggerà alcuni brani scelti
da “ Le avventure del bravo soldato Svejk nella grande Guerra” di
Jaroslav Hasek. Traduzione di Anna Cosentino. Brani che ben si
armonizzeranno con le note dell’Orchestra Sinfonica di Sanremo che
interpreterà “Il buon soldato Svejk” Musica di Robert Kurka.

Maurizio Maggiani si presenta: “Sono nato il primo di ottobre del 1951 da
Dino, detto Dinetto per il suo animo gentile, e da Maria, detta Adorna in
memoria della mula preferita da suo padre, mio nonno Armando, detto
Garibà, Garibaldi, per il suo carattere, portamento e tempra politica. Sono
nato nella casa costruita da mio nonno con gli scarti della fornace di
mattoni del paese a ridosso della via Aurelia, nella frazione Molicciara di
Castelnuovo Magra, la piana che dai suoi abitanti è chiamata Luni, perché
è lì, da qualche parte nei campi, che ancora inciampano sulle rovine
dell’antica città romana. La casa aveva un’aia, un orto e al di là dell’orto i
campi che i miei avevano in affitto per coltivare patate, cavoli e
formentone; lì io sono cresciuto indisturbato e felice. ….Non ricordo più

bene tutto quello che ho fatto per campare, ma so che ma mia vita è
sempre stata movimentata e ricca di momenti fortunati. A ventidue anni
sono stato chiamato dalla Olivetti nei suoi servizi sociali, e il mio primo
stipendio era il doppio di quello di mio padre; me ne sono andato via per
amare perdutamente una donna così come andava fatto. Nel ’74 mi sono
procurato il primo videoregistratore portatile in circolazione e ho provato
a farci qualcosa con i ragazzini di una scuola di montagna; da allora non
ho più smesso di pensare che qualunque strumento è buono per creare
qualunque cosa, anche la più meravigliosa. Ma poi sono andato in giro a
vendere pompe idrauliche e mi piaceva moltissimo; ho fatto il fotografo
industriale, e ho girato film pubblicitari per gli industriali del marmo e gli
stagionatori di prosciutti, mentre fabbricavo audiovisivi politici con l’idea
che immagini e suoni potessero essere un buon modo per far discutere la
gente; a quel tempo funzionava, anche se erano strumenti poco adatti
agli effetti speciali. Nel momento del bisogno ho fatto anche il mercante
di arte contemporanea abbastanza autentica, anche se non del tutto, e
venditore di libri, soprattutto dei miei. E nel ‘78 mi sono rotto la schiena
facendo delle riprese in una cava di granito, e mi sono cercato un posto
adatto a chi si prende una gran paura: sono diventato pubblico impiegato.
Nell’85 mi sono comprato, firmando 36 cambiali, un computer Apple, il
primo che si fosse visto in circolazione, e con quello ho imparato a
scrivere. Perché scrivere su quell’apparecchio mi dava un gran piacere
tattile e visivo, perché ho scoperto che potevo costruire parole, e con le
parole pensieri, che erano immagine composta così come si compone
un’inquadratura fotografica, o cinematografica. E poi mi sono rotto una
gamba in cinque pezzi, in uno strepitoso incidente di motocicletta, e tutto
quello che ho potuto fare per tre lunghi anni è stato di volerle abbastanza
bene per non lasciare che me la portassero via, e inventarmi qualcosa per
non intristirmi di deboscia da antidolorifici. Con il mio Apple ho scritto
una lettera al quotidiano della città e di lì in poi mi hanno chiesto di
scrivere a pagamento; sempre con quello ho scritto una lettera a una

donna e quella lettera è stata spedita a cura del mio miglior amico a un
concorso per componimenti letterari inediti che divenne leggendario per
la straordinaria partecipazione popolare. La lettera vinse il concorso sotto
forma di racconto letterario. La lettera era intitolata “Prontuario per la
donna senza cuore”, c’erano dei sospesi pesanti tra me e quella signora, e
quel titolo è rimasto. Tra me e lei le cose non sono cambiate se non in
peggio, ma ho cominciato a ricevere telefonate da editori che mi
chiedevano se per caso avessi “qualcosa nel cassetto”. Il mio cassetto era
vuoto, ed è sempre rimasto così, ma alla quinta telefonata ho detto che
sì, avevo qualcosa. Ero curioso di vedere cosa sarebbe successo, non ho
mai smesso di essere curioso, e sono diventato romanziere. Da allora
credo di aver scritto e pubblicato una decina di storie romanzesche e un
migliaio di articoli, qualcosa che assomiglia a una carriera. Comunque,
vivo di quello, onorevolmente e con orgoglio mantengo la mia famiglia
con il sudore delle mia dita e il patimento dei miei occhi. Come per tutto il
resto che di buono mi è capitato nella vita, ed è stato molto, ne sono
debitore alle fortunate coincidenze, all’amicizia di uomini e donne
generosi, alle strade che cammino e agli incontri che mi regalano. Ah,
adesso che mi viene in mente, ho fatto anche il conduttore televisivo,
qualcosa come un centinaio di puntate di “La Storia siamo Noi”, nel ’99 se
ricordo bene, e in quella occasione ho imparato molto di quello che mi
piace e non mi piace fare. So che non mi piace lavorare più del necessario,
e non mi piace neppure guadagnare più di quello che mi serve. E questo
mi mantiene ancora in forma, nonostante sia un vecchio zoppo ormai
ipovedente. L’anno passato ho ereditato l’orologio Omega di mio padre
Dinetto e mi capita di far caso al suo tic tic tic. È un suono armonioso e
rassicurante, il suono di una cosa fatta a regola d’arte, il suono che mi
piacerebbe fosse quello della mia vita. (foto Moreno Carbone) (Notizie dal
sito Maurizio Maggiani. )

Pubblicazioni con Feltrinelli: Vi ho già tutti sognato una volta (1990),
Felice alla guerra (1992), màuri màuri (1989, e poi 1996), Il coraggio del
pettirosso (1995; premi Viareggio Rèpaci e Campiello 1995), La regina
disadorna (1998; premi Alassio e Stresa per la Narrativa 1999), È stata una
vertigine (2002; premio letterario Scrivere per amore 2003), Il viaggiatore
notturno (2005; premi Ernest Hemingway, Parco della Maiella e Strega),
Mi sono perso a Genova. Una guida (2007), il cd con libro Storia della
meraviglia. 12 canzoni e 3 monologhi (con Gian Piero Alloisio; 2008),
Meccanica celeste (2010), Zafferano (2011, nella collana digitale Zoom), I
figli della Repubblica. Un’invettiva (2014), Il Romanzo della Nazione
(2015; Premio Elsa Morante 2015; Premio Anthia 2016), La zecca e la rosa
(2016), L’amore (2018), L’eterna gioventù (2021).
Davide Lorino, attore. Si diploma alla Scuola del Teatro Stabile di Genova
nel 1998 e proprio allo Stabile di Genova debutta lo stesso anno ne La
dame de Chez Maxime, con la regia di Alfredo Arias. La sua carriera di
attore teatrale prosegue col progetto “U.R.T”, diretto da Jurij Ferrini, e
ancora per il Teatro Stabile lavorerà diretto da Marco Sciaccaluga, Valerio
Binasco e Fausto Paravidino. Intanto in cinema esordisce nel 2000 con il
film di Guido Chiesa Il partigiano Johnny. Lavorerà ancora in teatro diretto
da Tonino Conte, Giorgio Gallione, Luca Ronconi e Carmelo Rifici. Negli
anni lavora in produzioni televisive Rai (è il Prof. Storca in Fuoriclasse) e
Mediaset (nel 2009 è Don Raffaele ne L’onore e il rispetto 2, ruolo che
ritornerà a interpretare ne L’onore e il rispetto 3, 4 e 5); per Sky, nel 2009
interpreta Ivan Fuser, accanto a Fabrizio Bentivoglio, nella mini-serie Nel
nome del male, diretto da Alex Infascelli.

(Visited 5 times, 1 visits today)
Invia un messaggio
1
Dir. artistica Emanuela Petroni
Salve, posso esserti utile ?