TU RESTA A CASA – poesia di Antonio Ferrante

Tu resta a casa e andrà tutto bene. Lava le mani non toccare gli occhi. Dita nel naso non mettere mai.La testa è piena,tante informazioni.

Scende la morte sulla Lombardia. Su tante città Piacenza, Pavia. Covid 19 tu maledetto. Fantasma imprendibile mostra il volto.

Se proprio vuoi colpire noi mortali. Risparmia il.popolo e tutti gli animali. Comincia dai 100 più ricchi italiani. E quelli nascosti nei palazzi vaticani.

Siamo in crisi lasciaci lavorare. Ci son bollette e tasse da pagare. Molti non hanno cassa integrazione. Vai a fanculo siamo in recessione.

Siamo in crisi lasciaci lavorare. Ci son bollette e tasse da pagare. Molti non hanno cassa integrazione. Vai a fanculo siamo in recessione.

Hai capito che siamo gente ospitale! Vorresti venire a soggiornare qui.Vai dal dottore Ascierto al Pascale.Vallo a trovare fatti curare lì.

Sbrigati io debbo andare a Roma. Svelto muori,vedi,sei già in coma.Bisogna che riparano i teatri. Che finiscano questi giorni tetri.

È in atto una totale sanificazione. Speriamo che avvenga un repulisti.Di questo batterio rompicoglione. E di tutti gli imbroglioni e camorristi.

RESTA A CASA poesia del.poeta attore ANTONIO FERRANTE scritta a Napoli alle ore 2.oo del 15.3.2020. 

E’ possibile votare fino alle ore 12 del giorno Lunedì 6 Aprile 2020

PER INFORMAZIONI CONTATTARE LA REDAZIONE TRAMITE E-MAIL CIADDSRL@GMAIL.COM

(Visited 10 times, 1 visits today)