IL DIVORATORE DI ANIME – Capitolo 117

Capitolo 117

Roma, 23 gennaio 1888

Caro diario; ora mi è rimasto di convincere solo il terzo. Sto trovando persone che mi sembrano affidabili, e poi togliere le persone dalla strada e dalla fame penso che sia in ogni caso una buona azione; anche se lo faccio per mio interesse. Ma per certi lavori mi serve gente del genere e non posso crearmi scrupoli. Così, io ed il mio cocchiere siamo andati a cercare il terzo mendicante per convincerlo a lavorare per me. Raggiunto il luogo mi sono avvicinato a lui ed ho chiesto:

Buona sera; come state, vi ricordate di me?”

Lui mi ha risposto:

Come volete che stia io, eh? Volete burlarvi di me? E poi perché dovrei ricordarmi di Voi? Foste poi una bella donna; quindi andate via!”

Sentendo ciò non mi sono offeso; anzi ho scoperto di aver trovato un altro uomo adatto al mio scopo. Così gli ho detto:

Vi ho chiesto se vi ricordavate di me, perché dopo l’offerta che vi ho fatto alcuni giorni fa pensavo che vi sareste ricordato di me!”

Dopo un po’, il tizio si è calmato ed ha detto:

Ah! Ora mi ricordo; grazie, e scusate ma ho sete e sono furioso!”

Ho detto al cocchiere di offrire una birra al mendicante e dopo ho detto:

Vedrete che passata la vostra sete, riusciremo ad intenderci meglio!”

Lui mi ha detto:

Perché dovremmo capirci? A che scopo?”

Io gli ho detto:

Per lavorare insieme, è ovvio!”

Il mendicante mi ha detto:

Cosa?! Io lavorare per Voi, e perché dovrei?”

Io gli ho risposto:

Perché sei adatto al mio scopo e poi perché ti pago bene e potresti avere molto se ti comporterai bene!”

Lui mi ha risposto:

Cosa dovrei fare?”

Io gli ho detto:

Convincere la gente con ogni modo a restituirmi i soldi che ho prestato loro! Ovviamente io carico i miei interessi; ma se si è d’accordo prima, bisogna esserlo anche dopo!”

Il mendicante mi ha detto:

Bene, io mi chiamo Luca Cortese e Voi chi siete?”

Io ho detto:

Io sono il signor Maurizio Belmonte! E domani recatevi a casa mia, qui c’è il mio indirizzo! Buona sera!”

Detto questo sono tornato a casa con il mio cocchiere.”

(Visited 12 times, 1 visits today)