• Mar. Dic 7th, 2021

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

IL DIVORATORE DI ANIME – Capitolo 162

DiPietro Sciandra

Lug 20, 2017

Capitolo 162

Roma, 30 aprile 2003

Caro diario, non riesco a venire a capo del complicato e lugubre caso “D.10”. Non so ancora chi egli sia e cosa egli voglia. La mia fede è molto forte e combatterò. Non so più cosa pensare; questo Divoratore è un amico o un terribile nemico? Sembra che a volte difenda la gente, ma di una cosa sono sicuro, costui odia la violenza su donne e bambini. Lui è come se provasse piacere solo a sconfiggere chi può metterlo in difficoltà, come se lo rendesse più forte. Non credo che costui ami confrontarsi con i più deboli. Egli è un tipo eccentrico ed originale, sicuramente ha degli obiettivi a me sconosciuti. La cosa che più mi spaventa è chi potrebbe essere suo alleato? Egli potrebbe avere più uomini devoti di quanti me ne aspetti e devo essere prudente per fare scattare le mie forze dell’ordine.

Roma è presa d’assedio da ogni parte ed in ogni luogo. Nessuno si sente più al sicuro né di giorno né di notte. Il disordine è scatenato più da questo Divoratore che dagli ordinari criminali.

Secondo me ci sono dei criminali che lavorano per Lui. Forse Lui li protegge dalla giustizia in cambio delle loro forze. Io non ho mai affrontato nessuno come questo tipo e non si tratta più di semplice giustizia, ma si tratta della salvezza del mondo e delle anime di tante persone.

Don Francesco che mi ha illuminato molto su questa situazione mi ha detto di essere prudente al massimo; perché ciò che stiamo affrontando insieme è al di fuori di ogni esperienza umana e crede difficile che un tipo del genere sia già esistito, ma non ci sono le prove. Se veramente fosse già esistito un tipo del genere? Come avranno fatto a neutralizzarlo? Sembra che questo tipo di umano abbia ben poco, o forse solo le sembianze.

Io non credo ai demoni, ma forse ogni leggenda potrebbe avere un minimo di verità. Mi sono sempre chiesto, facendo il commissario da tanti anni; la paga non soddisfa tutti i miei bisogni. Mi sono sempre chiesto, perché una mamma uccide il proprio figlio? Perché un figlio uccide il padre, e poi uccide tutta la sua famiglia e poi si spara? Che significa tutto questo?

La psichiatria dovrebbe dare una spiegazione obiettiva e scientifica; ma io credo che essa sia la scienza meno credibile. Non sempre tutto può avere una spiegazione. La scienza più di dare una spiegazione di follia e proteggere la popolazione dai pazzi non può fare nulla. Io ho sentito di donne che sono uscite da cliniche psichiatriche che poi si sono tolte la vita. Perché? Forse don Francesco sa qualcosa. Buonanotte, caro diario.”

(Visited 23 times, 1 visits today)