• Dom. Giu 20th, 2021

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

IL DIVORATORE DI ANIME – CAPITOLO 53

DiPietro Sciandra

Nov 4, 2016

fedi_nuziali_anelli_sposi

Capitolo 53

Un giorno Riccardo incontra Monica. Monica è sposata, molto giovane, ma ha scoperto di non amare suo marito, non riuscirebbe mai a divorziare, con tutto che ancora non abbia dei figli. Monica ama molto studiare ed in ogni caso non potrebbe cambiare la vita con il divorzio, avendo conosciuto Riccardo, lei preferisce tenerlo come amante ed evitare situazioni tragiche. Monica scopre di avere un’immediata grande intesa con Riccardo, è bastato parlare poco e dandosi ragione l’uno con l’altra si sono guardati negli occhi ed hanno scoperto di amarsi. Monica capisce che se avesse potuto conoscere prima Riccardo, forse l’avrebbe addirittura sposato. Tra Riccardo e Monica ci sono pochi anni di differenza, lei è più grande. Monica vede in Riccardo una grande fiducia, un forte sentimento di unione e di complicità. Monica si fida subito di Riccardo, con tutto che l’aveva conosciuto in pochi minuti. Monica si accorge che Riccardo è veramente il ragazzo che stava aspettando, con tutto che lei sia già sposata non ha mai smesso di cercare la sua grande passione ed il suo vero amore, perché lei si era sposata per sistemarsi e non proprio perché follemente innamorata e desiderosa di una famiglia. Monica prova per Riccardo una passione nuova che non aveva mai provato prima in vita sua, ovvero amare qualcuno in poco tempo, come se lei avesse aspettato quel giorno senza saperlo. Monica guarda il marito in modo diverso rispetto a prima di conoscere Riccardo, perché si accorge veramente di quanto valga poco suo marito, avendo Riccardo a farle contrasto. Monica si accorge di essersi pentita a sposarsi, non perché non ami il marito, ma perché ha scoperto quante cose possa togliere il matrimonio. Monica si sente prigioniera in casa sua, perché ha il marito davanti e pensa a Riccardo, lei continua ad amare il marito solo con il corpo e per consuetudine, ma in realtà, la sua anima è con Riccardo, e se lei potesse scegliere abbandonerebbe il marito per sempre. Monica si rende conto del suo grave sbaglio ad essersi sposata, perché non può più cambiare uomo quando vuole, e con tutto che lei sia felicemente sposata e che il marito la ami e la rispetti, le è fedele in ogni circostanza, Monica si accorge che qualcosa le manca. Monica si accorge della differenza tra l’amore e la passione, ovvero lei ama molto suo marito, ma incontrare un ragazzo che le trasmetta la gioia di vivere, l’attaccamento alla vita, la passione di vivere e di credere in ideali amorosi che potrebbero sembrare impossibili. Monica si accorge che Riccardo sia molto meglio del marito, ma non solo fisicamente, ma spiritualmente, idee diverse, modo molto intenso di amare e molto passionale, non solo coi gesti, ma anche con le parole, le parole dolci sono le carezze per l’anima, e di questo il marito ne è sprovvisto. Oltretutto, il marito le è diventato monotono e noioso, sempre uguale, non riesce ad inventarsi qualcosa di nuovo, con tutto che vadano a cena fuori molto spesso ed abbiano molti amici. Monica con Riccardo si sente veramente realizzata e soprattutto valorizzata ed ammirata per quello che crede di valere veramente. Monica non sa cosa farebbe per amore di Riccardo, ma non potrebbe mai fuggire con lui, sarebbe troppo sconveniente e troppo vergognoso. L’unico modo di essere felice, per Monica, è quello di fingere di amare ancora il marito, e poi avere un punto di incontro con il suo amante; il principe Croce. Monica sa poco di Riccardo, lei pensa comunque che lui sia un tipo intelligente, affidabile, gentile, onesto, passionale, forte, tenace, simpatico e molto di compagnia. Per Monica, Riccardo è veramente il principe dei suoi sogni. Per quanto tenti di essere buona, Monica si accorge di essere cattiva e di fare un grandissimo torto a suo marito, con il tradimento; ma lei vuole pensare solo alla propria felicità e non può lasciarsi sfuggire forse l’ultima occasione della sua vita per essere veramente felice. Monica avrebbe in ogni caso un rifugio sicuro a casa sua, ma per incontrarsi con il suo amante ci vuole un luogo neutrale, ovvero né casa di Riccardo e né casa di Monica. Quando Monica incontra Riccardo non si crea nemmeno il problema di togliersi la fede nuziale, perché per lei è indifferente avere o no la fede, per lei conta solo Riccardo; il sentimento per il marito non esiste più, per lei l’anello non ha più alcun valore simbolico. Monica ha trovato con Riccardo la propria pace con se stessa e non le importa nulla del marito; perché stando bene con Riccardo; lei ora ha tutto, una bella casa, un marito tradito che la ama, ed un amante che è in grado di farla felice con la sola vista; il fascino del male. Monica rimase subito affascinata da Riccardo, sia per il suo corpo solido e forte, ma anche per la sua dolcezza d’espressione, le sue idee sulla natura, i fiori come oggetto di dialogo, la sua passione per la letteratura e l’archeologia. Monica considera Riccardo una specie di avventuriero, uno studioso di scienze umanistiche che sa sempre quello che vuole e che ha le idee chiare in ogni cosa, un vero scienziato. Monica ha trovato finalmente qualcuno come lei che la comprenda veramente e che sappia farle scoprire le gioie della natura con visione poetica. Monica e Riccardo diventano molto affiatati, e lei dimentica quasi di essere sposata, come se il suo matrimonio non fosse mai avvenuto; lei si considera una donna libera; sentimentalmente è come se fosse già divorziata; ma per l’occhio della gente è sempre sposata. In presenza di persone poco raccomandabili, Riccardo e Monica fingono di essere parenti. Quando Monica si deve separare da Riccardo per tornare a casa; le diventa un peso dover tornare da suo marito; perché la sua vita effettiva è con Riccardo e non con il marito. Monica a differenza di Nadia, prova ancora amore per il marito con tutto che lei abbia Riccardo come amante; invece per Nadia è morto il sentimento per il marito e nato per Riccardo. Monica ha due uomini da amare, invece Nadia ne deve amare uno e fingere di amare anche il marito. Monica e Nadia non hanno solo la differenza di età e di esperienza; ma anche di considerazione nei confronti del marito tradito. Ovvero, Nadia considera il marito come un fratello che vive con lei, invece Monica ama il marito, ma le diventa un peso amarlo, perché stanca ed insoddisfatta; scoprendo che Riccardo valga molto più del marito. Riccardo trasmette a Monica la gioia di vivere che le è sempre mancata; come se lei fosse adolescente a vita; con Riccardo ha scoperto la formula dell’eterna giovinezza; proprio ciò che aveva sempre sperato di trovare e non un marito noioso che le facesse pesare il tempo che passa dicendole di mettere sempre la testa a posto e che doveva cambiare e diventare responsabile. Monica pensava che in certe cose non c’è giusto o sbagliato, ma ci sono cose che ci stanno bene ed altre invece no. Quindi se è male ma ci sta bene uguale non importa. Invece secondo me, questa è la filosofia più spicciola, che non tiene conto della realtà, ma il fatto che ci stia bene o no. Questa è la prova che la filosofia più si allontana dalla realtà e più è filosofica. Riccardo non sa se sia veramente il caso di amare o no Monica, ma gli piacciono molto i suoi capelli lunghi, lisci e castani, occhi marroni e fisico procace ma non volgare. Riccardo vede in Monica la tipica donna insoddisfatta, che se un uomo le dava il minimo lei voleva il massimo e se uno le dava il massimo lei voleva il minimo. Per quanto le donne sappiano ciò che vogliono; sembra che siano fatte apposta per far tribolare gli uomini. Secondo me, non bisogna cercare di capire le donne più del dovuto; il loro mistero, con tutto che sia silenzioso o no è bello così. Monica ha scoperto in Riccardo il fascino del mistero che l’ha sempre incuriosita, soprattutto perché vede in lui ciò che è veramente lei e non ciò che crede il marito. Monica riesce a tirare fuori la sua vera personalità spontanea nei confronti di Riccardo, perché sa che Riccardo la amerebbe comunque per quello che è veramente e non per ciò che vuole che sia a tutti i costi. Monica sente la propria anima volare quando vede Riccardo anche solo da lontano, perché Riccardo ha liberato la sua anima e lei questo cercava essendosi oramai rassegnata. Quando Monica vede Riccardo si sente libera e piena di gioia, come se lei vedesse in Riccardo un parente che non vedeva da tanto tempo, anche se in effetti non è così, ma solo a prima vista. Monica adora Riccardo perché ha saputo catturarla al primo incontro e non ha avuto paura di fare brutte figure o di dire qualcosa che avrebbe potuto darle fastidio. Difatti Monica ha notato in Riccardo una spontaneità di linguaggio sincero e pulito, è importante anche saper parlare bene, per questo Monica si è innamorata di Riccardo; perché ha scoperto subito la sua intesa spontanea e naturale, sincera e non forzata da un contatto matrimoniale in cui sembra si sia costretti ad andare d’accordo per forza; perché questo vedeva Monica nel suo matrimonio. Monica si sentiva libera con Riccardo sia sentimentalmente che moralmente, ovvero Monica avrebbe vissuto due vite separate tra Riccardo ed il marito senza interferenze, perché Monica non aveva problemi di orari o di particolari impegni lavorativi, quindi poteva gestire il suo tempo come meglio credeva, non avendo ancora avuto dei figli. Monica non riusciva a credere che un giorno o l’altro avrebbe avuto un amante; lei pensava che essendo sposata nessun uomo avrebbe avuto più il coraggio di invitarla; invece conoscendo Riccardo ha scoperto che ci sono uomini molto coraggiosi e che per l’amore di una donna sono pronti a correre dei pericoli molto grandi. Monica ammira molto il coraggio e la spontaneità, ma soprattutto la disinvoltura di Riccardo; mostrando una grande esperienza nel saper amare le donne. Difatti Monica e Riccardo discutevano sul fatto che le donne non devono piacere, ma essere amate; anche se i gusti sono molto importanti, non è da escludere. Monica sta vivendo con Riccardo la storia d’amore che aspettava da molto, non le importa nulla della sua casa, dei viaggi, dei soldi, del lavoro, le importa solo essere felice con Riccardo e prendersi una laurea. Monica non parla mai del marito a Riccardo e quest’ultimo non chiede mai del marito; perché di fatto è come se Monica non fosse mai stata sposata. Considerato tutto ciò, Riccardo e Monica si amano per davvero e non conta il tempo per loro; perché talmente che si amano, non conta la quantità del tempo che trascorrono insieme ma la qualità; certe volte anche soli 10 minuti trascorsi insieme ad una persona che tu ammiri, valgono più di un’intera giornata con una persona che tu vedi sempre. Riccardo vede in Monica un’anima da possedere, perché soprattutto la considera completa in ogni aspetto e soprattutto per qualsiasi consiglio, ritenendola affidabile e predisposta. Monica non intende perdere l’amore di Riccardo, perché si trova molto bene con lui e poi vede in lui una carica di vita che non aveva mai visto a nessuno, soprattutto al marito. Monica non riesce ancora a darsi spiegazioni in riguardo alla relazione con Riccardo; perché è avvenuto tutto così in fretta, perché Riccardo è stato così abile a dire le parole giuste al momento giusto che lei è rimasta colpita e non ha potuto fare a meno di affezionarsi a Riccardo vedendo in lui una parte della sua vita. Le esperienze uniscono le persone, è questo il fatto, quando due persone hanno avuto le stesse esperienze, sanno cosa si prova e si scambiano pareri in riguardo, questo ha unito Riccardo e Monica.

(Visited 9 times, 1 visits today)