• Dom. Giu 20th, 2021

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

IL DIVORATORE DI ANIME – CAPITOLO 56

DiPietro Sciandra

Nov 13, 2016

screenshot_44

Capitolo 56

Riccardo cominciò a pensare inevitabilmente di essere quasi stato scoperto, perché i sintomi prima o poi alle sue donne sarebbero stati evidenti. Già, perché parlando tra di loro, le amanti di Riccardo hanno scoperto di avere strani sintomi in comune che non potevano essere stati provocati da una semplice influenza. Anche perché i sintomi erano di debolezza e di giramenti di testa come se ti fosse stato tolto qualcosa che non riesci a capire, perché i sintomi non erano starnuti e brividi, per questo Daniela cominciò a collegare gli eventi che non potevano essere stati provocati che da una strana febbre. Anche perché tutte insieme col tempo si sono indebolite Giulia, poi Sonia, poi Daniela ed infine Luisa; combinazione ovunque c’era Riccardo. Per questo Daniela pensò che Riccardo fosse portatore di una strana malattia, che comporta debolezza e forti giramenti di testa; che poi con il tempo stranamente svaniscono e poi quando Riccardo si riavvicina a loro, i sintomi ritornano. Considerato tutto ciò, Daniela decise di allontanare Riccardo per un po’, almeno per recuperare le energie perse. Daniela non saprà mai tutta la verità, perché Riccardo non può dire chi è veramente, sia perché non sarebbe creduto e se invece così fosse, potrebbe essere peggio; perché avrebbero tutti paura di lui. Riccardo cominciò ad essere considerato una specie di aggressore e portatore di uno strano male, che nessuno poteva conoscere. Daniela, Luisa, Sonia e Giulia che avevano parlato tra di loro collegarono la loro debolezza dopo aver avuto tutte e quattro una storia d’amore con Riccardo. Tutto questo non poteva equivocare, e quindi era la prova concreta che Riccardo ne fosse il responsabile; perché 4 casi su 4; soprattutto convalidati dalla sua presenza erano prove più che plausibili. La situazione si stava facendo critica e tuttavia, dopo un periodo di allontanamento; Riccardo fu riaccettato, soprattutto grazie ad una raccomandazione di Sonia che era la più motivata a non perdere Riccardo; perché amava troppo ed un’occasione di incontrare un ragazzo come Riccardo non le sarebbe potuta più capitare. Così, grazie alle buone parole di Sonia; Riccardo fu riaccettato dopo molto tempo da Daniela e da Luisa; ma non da Giulia; che non perdonò Riccardo come responsabile della sua malattia. Così, Riccardo si ritrovò a riavere le sue tre amanti; irrecuperabile la quarta, ovvero Giulia che si promise di non voler più avere a che fare con Riccardo dopo tutto il male che le aveva provocato. Riccardo ricostruì il suo gruppo di tre donne con molta fatica; ma sapeva che ne valeva la pena, perché oramai erano state tutte e quattro infettate e non c’era più cura; che Giulia lo accettasse Riccardo o no era irrilevante, perché oramai l’anima sua era di Riccardo e lei non poteva più cambiare le cose. Appartata l’unica ribelle, ovvero Giulia; i rapporti di Riccardo con le sue tre concubine andavano di bene in meglio, anche con la loro ammirazione e stima; perché si accorsero che Riccardo fosse meglio di ciò che si ricordassero, se non fosse stato per il problema della strana “febbre”. Luisa decise di non far avvicinare più Giulia a Riccardo, non solo perché lo voleva solo per sé; ma anche perché Giulia aveva tradito Riccardo e non avrebbe dovuto rivelare i suoi sintomi provocati da Riccardo; almeno lei la pensava così. Sonia ammira molto Riccardo, perché è un amante fantastico, anche se stranamente senza spiegazione; le donne che stanno con lui diventano molto deboli. Daniela non prova disprezzo per Riccardo, ha però solo paura di essere contagiata di nuovo e tenta di tenere comunque lontano Riccardo; anche se Riccardo non le darà tregua, perché prima o poi Riccardo ritroverà il modo di sedurre Daniela e di farle dimenticare la strana malattia che portava Riccardo.

La vita con le concubine, per Riccardo non era certamente facile, ma con il tempo riuscì a tenersi Sonia, convincere per bene Luisa ed amare più di prima Daniela in modo che lei dimentichi la storia della malattia.

Riccardo si trovò un giorno a parlare con Luisa e Daniela; ma capitò per caso Giulia. Giulia disse a Riccardo:

Ciao, come va?”

Luisa si mise in mezzo e disse:

Non avevi detto di non volerlo più vedere?”

Giulia rispose a Luisa:

Gli ho solo chiesto come sta!”

Luisa:

Come vuoi che stia? Sta bene e sta meglio se non ti vede, visto che l’hai accusato di essere portatore di una strana malattia e di essere un aggressore! Non ti voglio qui tra di noi, almeno quando c’è lui!”

Giulia disse a Luisa:

Va bene, ho capito! Non gli darò più fastidio, non ti irritare, io non avrò più nulla a che fare con Riccardo e non tenterò di riavvicinarlo!”

Luisa disse a Giulia:

Così andiamo d’accordo! Hai capito finalmente che devi lasciarlo perdere!”

Daniela rimase meravigliata del litigio tra Luisa e Giulia, perché si accorse che in ogni caso Luisa non voleva rivali e non voleva ostacoli tra lei e Riccardo. Daniela considerava Riccardo un gran seduttore, ma molto strano il fatto della debolezza delle sue vittime.

Una sera, Riccardo uscì a fare il suo giro notturno in caccia di altre vittime. Riccardo scoprì che Ludovica e Vanessa erano diventate amiche e come mai Ludovica conosceva Riccardo. Ludovica rispose che erano vicini di casa. Vanessa poteva pensare che ci fosse stato qualcosa tra Riccardo e Ludovica, ma quest’ultima non rivelò a Vanessa di essere stata sedotta da Riccardo; perché si sarebbe potuta creare una situazione poco piacevole. Così, per evitare troppe spiegazioni, Ludovica disse a Vanessa di conoscere Riccardo solo di vista. Sia Ludovica che Vanessa avevano avuto dei sintomi di debolezza, ma non li rivelarono mai tra di loro; perché non potevano mai immaginare che il responsabile fosse Riccardo. Riccardo si accorse che le sue vittime potevano capitare a conoscersi e rivelarsi ciò che lui faceva e con il tempo riunendo tanti casi, qualcuno sarebbe potuto risalire a lui, ma in fondo era difficile che qualcuno parlasse, anche perché Riccardo le teneva felici le donne e non faceva loro violenza, per cui sarebbe stato difficile che venisse ricercato da qualcuno. Anche perché, Riccardo poteva essere ritenuto responsabile dello stato di salute di alcune ragazze che erano state in sua compagnia, e se qualcuno avesse indagato; avrebbe potuto collegare gli eventi dei sintomi delle fanciulle e vendicarsi. Tutto ciò era poco probabile, perché le aggressioni non erano per violenza, ma per amore, almeno in apparenza. Anche perché chi avrebbe potuto avere interesse a cercare Riccardo? Per ora nessuno. Nessuno sospetta che Riccardo sia il principe della più grande organizzazione criminale di tutti i tempi e che ha intenzione di cambiare il mondo a sua immagine ed espandere il regno dei Sin Alma il più possibile. Le complicazioni non mancano e Riccardo deve organizzare la sua difensiva, perché se qualcuno dovesse veramente scoprire la sua entità; lui deve essere ben preparato, anche se nemmeno lui sa chi sia esattamente; perché è in attesa che Dio gli dia un cenno a fargli scoprire le più lontane proprie origini. Quindi la situazione è più complessa di quanto ricordassimo; miei cari lettori, perché Riccardo deve stare attento a mettere fuori pista chi dovesse indagare contro di lui; poi tenere a bada le sue amanti, evitare che altre donne che ha avuto mettano in giro voci sui sintomi che presentano dopo essere state con lui, ma questo è impossibile. Riccardo non può avere il controllo di tutto ciò e non può più fidarsi di nessuno, tranne di quelli come lui, ovvero i suoi Sin Alma. Riccardo sa che prima o poi la verità si verrà a sapere; perché sarà sufficiente che sappiano le cose sbagliate le persone sbagliate e Riccardo sarà fritto! Per sapere chi è veramente Riccardo è difficile indagare, e poi chi potrebbe avere interesse a cercare Riccardo per distruggerlo? Anche perché Riccardo non è come gli altri, lui ha dei poteri, è ben difeso da esseri anormali, è protetto in una grande villa di Roma ed è custodita come una fortezza. Riccardo poi sa combattere benissimo e nessuno è riuscito a sconfiggerlo due volte; perché lui impara dai suoi avversari sia che vinca o perda e si impossessa delle loro anime per usarle contro i suoi futuri nemici. Il mondo deve fronteggiare un pericolo senza eguali, anche perché non servirebbe a nulla uccidere Riccardo sparandogli; perché c’è una cosa che ancora non potete sapere, perché anche se Riccardo è mortale, prima o poi in poco tempo ci sarà un altro come lui e non si finirà mai; quindi bisogna trovare il modo di neutralizzarlo per lungo tempo, ma prima bisogna scoprire come…

(Visited 218 times, 1 visits today)