• Lun. Giu 21st, 2021

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

IL DIVORATORE DI ANIME – CAPITOLO 86

DiPietro Sciandra

Gen 7, 2017

IL DIVORATORE DI ANIME

Capitolo 86

Roma, 30 settembre 1887

Caro diario, quando trovo tempo per scriverti ti scrivo più che posso, tutte le mie sensazioni ed i miei pensieri. Sto continuando a cercare il mio vero amore, ma non lo trovo. Comunque spero di trovarlo presto, anche il prossimo anno, non ho tutta questa fretta. In una casa grande come la mia, la presenza di un uomo è molto rilevante, i miei servitori sono un’altra cosa, io voglio un uomo da amare che mi aiuti, e non necessariamente un marito. Non so se mi sposerei subito se qualcuno mi chiedesse la mia mano, però intanto ci penserei; potrei farmi un quadro della situazione e pensare chi dover scartare e chi tenermi caro, intanto come amico, poi si vedrà. Domani sera avrò una cena a casa dei signori Carboni. Spero di non annoiarmi, anche perché che io sappia non ci sarà nessuno di nuovo. Anche se Filippo Carboni, il figlio di Augusto mi fa la corte, non lo vuole capire che io sono troppo grande per lui e che deve lasciarmi stare. Filippo ha 19 anni ed io 34, non si può; caro diario, è escluso e poi sono una marchesa. Non potrei mai mettermi a perdere tempo con un ragazzo troppo giovane rispetto a me, sarebbe uno scandalo troppo scottante, e poi io devo difendere la mia immagine di nobildonna; la gente potrebbe dire le peggiori cose che non voglio neppure pensare. Anche perché Filippo non avrà mai intenzioni serie nei miei confronti; vorrà solo giocare con me, e così devo anche evitare di sedermi vicino a lui. Filippo comincia a diventarmi molto antipatico, perché certi ragazzi si credono belli solo perché sono tanto giovani; invece non è così, perché la bellezza non si calcola con l’età; perché un ragazzo molto giovane potrebbe essere molto brutto; invece un uomo maturo potrebbe avere un fascino seducente ed irresistibile. Non credo che dopo questa cena riandrò a casa della famiglia Carboni, perché solo che vedo Filippo mi sento soffocare.”

(Visited 12 times, 1 visits today)