• Ven. Set 24th, 2021

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

IO E IL GOLF – Capitolo 65

DiPietro Sciandra

Apr 4, 2018

Capitolo 65

Il giorno sabato 13 aprile 2002 è un giorno che io non posso dimenticare assolutamente per nulla al mondo. Ora anche voi, cari lettori capirete il motivo.

Al Real Sporting Golf Club a Roma, oramai questo è il mio nuovo circolo di golf di appartenenza, in questo indimenticabile giorno, io giocai il primo Golf Day. Il Golf Day è il giorno di golf per chiunque non abbia mai giocato a golf in vita sua ma mettendosi in squadra con un giocatore vero. Questa formula di Golf Day è medal play o stroke play che entrambe le definizioni sono per il gioco a chi impiega meno colpi; ma c’è una regola unica per il torneo Golf Day, ovvero il giocatore di golf deve mettere solo la palla in green. Invece il neofita ovvero chi si avvicina al golf per la prima volta nella sua vita e poter partecipare ad un torneo senza aver minima idea delle regole o della funzione dei singoli bastoni da golf; il neofita che è partner (chi gioca dalla stessa parte) del giocatore di golf a cui è stato assegnato, il neofita deve solamente giocare la palla in green fino ad imbucarla. Ovviamente vince la coppia che impiega meno colpi che essi sono la somma dei colpi del giocatore che mette la palla in green con la somma del neofita che imbuca la palla in green.

Il mio compagno di questo mio primo appuntamento con il Golf Day è Pietro Adami che è incaricato solo di effettuare solo i putt (colpi che si effettuano sul green con il bastone putter appunto bastone per mettere la palla dentro la buca).

Primo giro:

Buca 1 par 3 di 77 metri, Sciandra-Adami bogey. Buca 2 par 3 di 86 metri, Sciandra-Adami other 7. Buca 3 par 3 di 95 metri, Sciandra-Adami par. Buca 4 par 3 di 84 metri, Sciandra-Adami triplo bogey. Buca 5 par 3 di 96 metri, Sciandra-Adami doppio bogey. Buca 6 par 3 di 62 metri, Sciandra-Adami bogey. Buca 7 par 3 di 77 metri, Sciandra-Adami triplo bogey. Buca 8 par 3 di 61 metri, Sciandra-Adami bogey. Buca 9 par 3 di 66 metri, Sciandra-Adami par.

Secondo giro:

Buca 1 par 3 di 77 metri, Sciandra-Adami bogey. Buca 2 par 3 di 86 metri, Sciandra-Adami bogey. Buca 3 par 3 di 95 metri, Sciandra-Adami bogey. Buca 4 par 3 di 84 metri, Sciandra-Adami doppio bogey. Buca 5 par 3 di 96 metri, Sciandra-Adami bogey. Buca 6 par 3 di 62 metri, Sciandra-Adami par. Buca 7 par 3 di 77 metri, Sciandra-Adami bogey. Buca 8 par 3 di 61 metri, Sciandra-Adami bogey. Buca 9 par 3 di 66 metri, Sciandra-Adami bogey.

Il punteggio lordo di Sciandra-Adami è +24 78. Il punteggio netto di Sciandra-Adami è +6 60.

Fantastico, Pietro Sciandra e Pietro Adami con +6 60 di punteggio netto essi si classificano al secondo posto su ventuno giocatori. Pietro Sciandra ha ricevuto il trofeo di un giocatore di golf di cristallo con la targa su cui c’è scritto:

GOLF DAY 2° Classificato Sciandra Pietro 13 aprile 2002”. Accanto a questa scritta, sulla sinistra, ci sono due bastoni da golf incrociati. Tuttora io custodisco questo mio primo trofeo vinto giocando a golf con tutta la mia passione e con tutto il mio impegno che è stato il meritato risultato di anni di impegno e applicazione costante. Ma io punto al futuro; perché questo trofeo deve essere il simbolo di un inizio di trionfi; e non l’unico successo della mia carriera. Io ho solo 22 anni e quindi io ho ancora molto da vincere; state tutti attenti.

(Visited 25 times, 1 visits today)