MATERA. SOLVEIG COGLIANI ESPONE A PALAZZO MALVINNI-MALVEZZI – VERNISSAGE MERCOLEDÌ 18 SETTEMBRE ALLE 18 La grande stagione di ‘Matera Capitale Europea della Cultura 2019’ non poteva certo privarsi della mostra pittorica di Solveig Cogliani curata da Paolo Battaglia La Terra Borgese. Imponente l’organizzazione dei professionisti della Cosessantuno Artecontemporanea per dirigere questa preziosa esposizione dell’ultimo dei capolavori dipinti della Cogliani: “Umanità”, tecnica mista su pannelli di fiamma acid-free, cm. 140×390, che resterà a Matera sino a venerdì 11 Ottobre di quest’anno. Una nuova epoca di pittura – dichiara Paolo Battaglia La Terra Borgese – si inaugura con la pittrice Solveig Cogliani e l’energia delle sue esclusività tecniche accende una sorgente luminosa a Matera. Ma noi, con orecchio critico, abbiamo intervistato dall’Italia Solveig Cogliani, giusto di ritorno da Beirut per un’altra sua mostra, un ulteriore fiore all’occhiello per l’arte italiana. «Il viaggio della mia umanità – esprime elegante Solveig Cogliani – inizia una sera di primavera ad Amelia, al teatro sociale, in occasione della performance degli Esos per lo spettacolo “Judas the guess”. Era esattamente il 12 aprile 2019. Il lavoro è il frutto di 4 ore di azione performativa attraverso l’utilizzo di sagome di alcuni Esos e di alcuni disegni fatti in studio su carta da me. Si svolge in un turbine di corpi in movimento, ispirati alle immagini ritratte da Sebastiao Salgado ne “Dalla mia Terra alla Terra”- corpi straziati e tormentati dalla fame e dalla guerra – ma non solo anche nudi femminili e due scritte ‘Mi hai tradito’ / ‘Mi hai salvato’ … la cornice dell’epopea dell’umanità tra il morso alla mela e la crocifissione di Cristo – tradimento e salvezza/ peccato e perdono/ un viaggio costante dell’uomo verso l’oltre. L’opera si fa testimone della violenza e della meraviglia di cui è fatto il mondo, una testimonianza che va oltre, in un costante tentativo di comprendere l’uomo e la natura in tutte le sue forme, per cercare di dare un quadro completo del ruolo che l’umanità svolge sul pianeta. Ciò che voglio evidenziare è la maestosa umanità dei soggetti presi in considerazione, i quali sembrano gridare al mondo la tragedia che investe la propria vita. L’opera si colloca come terza tappa del percorso inaugurato dal ciclo de ‘I cancelli’, poi da ‘Le cicogne sono immortali’ – simbolicamente entrambi legati al tema del viaggio, della ricerca, della migrazione. In Umanità, c’è chi ha visto un viso che richiama i Pupi siciliani. Sicuramente c’è la Sicilia, l’incontro di un’umanita’errante, che sia l’epica tensione tra cristiani e mussulmani, celebrata nell’Orlando, come l’incontro di ‘tutti’ in una sponda di un unico mare… Non è un caso se essa l’ho voluta realizzata con pigmenti puri e acrilico e carboncino con la materia ed i colori della terra e del mare. Da Amelia, a Ronciglione nel laboratorio di Felice Antonelli, a Matera, il viaggio dell’opera diviene anch’esso un evento performativo in costante trasformazione e divenire, come il teatro degli Esos».

(Visited 42 times, 1 visits today)

Chiara Fiume

Paolo Battaglia La Terra Borgese (Piazza Armerina, 28 luglio 1960) è un critico d'arte, saggista e politico italiano. È il più giovane di due figli del funzionario della Regione Siciliana Giuseppe Battaglia La Terra Borgese (1937-2003) e di Giuseppa Ligotti (1942). Il suo nome all’anagrafe è Paolo Waldimiro Gromiko Palmiro. A conclusione di un percorso di studi magistrale, nel 1984 si è laureato in Scenografia con il massimo dei voti e la lode. Coniugato due volte, ha due figli, di cui uno avuto da una terza donna. In una intervista condotta da Andrea Giostra per Fattitaliani.it, Battaglia La Terra Borgese ha dichiarato che il critico d’arte, come il mediatore culturale, è un delegato bilingue che media tra condividenti monolingue ad una chiacchierata di due collettività filologiche differenti. Sino al 1999 ha affiancato aziende di nicchia per l’arte e l’editoria artistica per bibliofili. Dal 2000 in poi i suoi lavori sono concentrati nella redazione di testi per terze parti. A queste cede anche i diritti di legge. Nel 2011 ha fondato il Premio Arte Pentafoglio, onorificenza atta ad insignire annualmente artisti, letterati e comuni cittadini che hanno orientato il loro pensiero e la loro azione verso il bene umanitario. Tra le figure più autorevoli insignite dell’onorificenza spicca quella di Philippe Daverio. Nel 2012, sigla una convenzione (protocollo 50905/2012) con l’Università degli Studi di Palermo, divenendo Tutor nei tirocini per laureati e laureandi. Nel 2013 l’Accademia di Sicilia lo nomina, insieme alle massime Autorità siciliane, tra i membri del Comitato d’Onore permanente del Premio Nazionale Liolà, importante riconoscimento del quale sono stati insigniti illustri personaggi come l’attrice Debora Caprioglio e Damiano Damiani, regista de La Piovra, miniserie RAI. Nel 2013 è eletto Consigliere Provinciale Acli Terra, l’associazione professionale delle ACLI la cui iniziativa favorisce l’integrazione e interscambio fra culture e tradizioni sui territori, nella fedeltà a valori e radici comuni. Si dimette dopo un anno. Nel 2014 conia il termine “partecipativa”, intendendo riqualificare e reinterpretare il ruolo dell’Artista nelle mostre collettive. Per il 2014 / 2015 è nominato Prefetto del Rotary Club Palermo Sud. Dal 2015 al 2018 ha prestato consulenza artistica al Comune di Castronovo di Sicilia, dove ha curato la nascita del Museo Civico di Arte Contemporanea di Palazzo Giandalia. Ha operato a fianco dell’Ambasciata di Polonia in Italia, dell’Ambasciata della Repubblica d’Armenia, dell’Ambasciata d’Austria, di Organismi Internazionali tra i quali UNESCO, Scuole Pubbliche, Ordine dei Giornalisti, Ordine dei Medici, Ha curato annulli filatelici con Poste Italiane, ha insignito docenti dell’Università di Berna. Nel 2016 è insignito quale Cavaliere onorario del Supremo Ordine dell’Antico e Rigenerato Rito Templare – Supremo Gran Consiglio del 9° Grado Cathedrale, quale uomo di cultura. Nel 2017 ha fondato a Milano il partito Italia Attiva con altre persone. Il partito di area assolutamente liberale si propone anzitutto treno del libero pensiero per i comparti produttivi del Paese con particolare attenzione al mondo delle professioni, per lo sviluppo sano della società italiana e comunitaria dell’Europa. Sue ultime opere sono: “Esseri”, Bonanno Editore, 2015. ISBN 9788896950913; “In viaggio con Dante”, Bonanno Editore, 2015. ISBN 97888961807253. Repertorio: https://www.comune.palermo.it/noticext.php?id=7421 | http://www.palermotoday.it/cronaca/philippe-daverio-riconoscimento-premio-arte-pentafoglio.html | http://livesicilia.it/2014/07/03/rotary-club-palermo-sud-ecco-il-nuovo-direttivo_512143/ | http://www.comune.castronovodisicilia.pa.it/albo-pretorio/images/Determina-del-Sindaco-n.-21.pdf | https://www.comune.palermo.it/js/server/uploads/_01122016111137.pdf | https://www.comune.palermo.it/noticext.php?id=3007#.VSvScdysV8E | http://www.lopinionista.it/mostra-pittorica-palermo-zamenhof-lesperanto-la-lingua-per-tutti-11212.html | http://www.mercurpress.it/2018/05/morgantina-giornalisti-al-museo.html | https://www.ordinemedicipa.it/notizia.php?tid=2829 | http://palermo.repubblica.it/cronaca/2015/09/20/news/memorial_d_acquisto_strade_chiuse_in_centro-123275082/ | https://video.repubblica.it/edizione/palermo/a-palermo-l-orgoglio-massone/270918/271386