Statua shock in Vaticano

Statua shock in Vaticano.Un’associazione femminista romana martedì scorso ha tentato un’intermediazione di vendita col Vaticano proponendo un’opera shock come slogan contro la prostituzione minorile in Tailandia e in Cina del Sud, paesi in cui la chiesa opera da anni dove è ancora record il numero di malati di AIDS. L’Associazione femminista ha inviato la splendida opera Excitingdi Hypnos una statua stimata 350mila euro (raffigurante una ragazza color fuoco che, fiera di sé, balla con una mano fra le gambe) con una commissione diretta d’acquisto. Lo slogan è mirato all’intervento di misure morali e preventive contro il turismo sessuale diretto alle minorenni. L’opera, recapitata dalla Cancelleria vescovile del Vaticano è stata aperta e presto richiusa e rispedita alla sede dell’Associazione. Forse il prezzo di mercato era troppo alto o la targa al suo interno troppo esplicita? Dalla targa s’intuisce che si tratta di una provocazione che come tutte le provocazioni dovrebbe meglio catalizzare un processo, speriamo mirato e solerte. Sulla targa in oro leggiamo: la chiesa non è sufficientemente attenta ai diritti civili per le bambine e ragazze costrette a prostituirsi nei paesi orientali dove è accertato che la Santa Sede opera da più di trent’anni.

La storica associazione femminista americana «Diane»si congratula con il gruppo italiano twittando parole di complicità.

“I’m baby girl for you”, sottotitolo dell’opera dato dal maestro Hypnos, è il tormentone che si sente in quelle strade d’Oriente, maleodoranti di frutta marcia e polvere dove, per un sogno perverso, circa 300 mila persone l’anno (per lo più uomini occidentali e nuovi gruppi di donne lesbo) si compiacciono noleggiando ad orequelle tenere ragazzine senza più dignità che sono spinte dalle famiglie a “lavorare”, secondo tradizione, dal giorno del menarca, appena sviluppate. Abbandonate a se stesse nei quartieri notturni dei principali centri urbani del paese devono produrre denaro, anche se poco e miserabile. Una religione come quella loro che non protegge e non aiuta uno sviluppo morale dovrebbe modernizzarsi―afferma padre Contini, in rientro dal Sichuan, la ragione cinese del pepe nero ―ma poco ancora si sta facendo.

Abbiamo paura della Cina? Dopo aver ceduto con ego ai vantaggi di questi paesi e approvato indirettamentele forme del nuovo schiavismo, di coercizione e oppressione umana (ad esempio la cosiddetta manodopera a costo zero delle aziende occidentali in estremo oriente) e aver bonariamente accettato prezzi e servizi contro il nostro stesso mercato (occhio che non vede…) e svenduto i nostri beni nascondendoci dietro un dito, ora vorremmo anche giustificare l’ipocrisia e dire che quelle povere ragazze hanno bisogno e “senza di noi” non potrebbero sfamarsi?

l’Exciting. I’m baby girl for you, è un messaggio chiaro del maestro Hypnos contro ogni ipocrisia. Agire ora però è un diritto morale della chiesa nel mondo. Non eravamo noi ― e in questo eravamo forti ―capaci di esportare moralità?

LB

Exciting

I’m baby girl for you

Critica, descrizione e messaggio dell’opera

Seducente passione di creta, ragazza orientale, plasmata da mano sapiente, è eterna fragile bellezza e acuta malizia, nel gioco notturno tra sé e l’altro da sé.

Lo skin della figura è rosso fuoco, colore ampiamente vissuto dallo scultore presso altre esperienze figurative, e macchiato da forti riflessi neri, notturni, profondamente legati all’ambiente immaginario in cui il soggetto dell’opera si manifesta.

La metafisica figurativa ha risolto dopo più di un secolo il suo dilemma

Lostandingdella ragazza è musicale, con un ginocchio a terra divarica lo spazio di una fantasia formale che distrae dal resto ma non dalla musica di sottofondo e dall’intersoggettività dello sguardo: forse balla da sola, senza più pudori, ma lo sta facendo davanti al pudore di chi la guarda, con cui il suo sguardo stabilisce chiara intesa. Ed è questa, a mio avviso, la genialità del maestro Hypnos: aver dato alla metafisica figurativa (la musica appare ma non dai gesti espressi della figura; davanti alla ragazza un altro c’è, ma non è dato) la possibilità di essere messa in contatto col presente, grazie alla soluzione dell’emozionante, l’Excitingappunto, in un presente continuo, di interazione relazionale evocativa e musicale.

Induce forme sottili di pudore, eccitazione condivisa. Il contenuto che la scultura stabilisce è immediato e dopo un secolo esatto la Metafisica trova il suo posto nel luogo che da sempre cerca: il presente.

L’opera stabilisce la fondatezza dell’eterno presente (la ragazza è qui) e l’intangibile metafisico riesce a legarsi al tangibile presente attraverso lo spazio di intesa a due “emozionante”. Un messaggio, un insegnamento, una soluzione dell’arte contemporanea tutta italiana.

Bravo Hypnos!

Il nome ha inoltre un valore aggiunto: “emozionante” in inglese èexcitingcol suffisso tingche è radice thai e radicale cinese traducibile con presente, attimo, realtà.

(Visited 79 times, 1 visits today)