• Gio. Ott 21st, 2021

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

Alessandro De Angelis: Yahweh Alieno

Yahweh l’alieno che fece vincere la guerra agli ebrei:

Giovanni 8,44 (Gesù, riferendosi ai Giudei) “(…) voi che avete per padre il diavolo, e volete compiere i desideri del padre vostro.”

Come spiegare quest’ultimo versetto dove Gesù dice agli ebrei che stanno adorando in Yahweh il diavolo? Come vedremo più avanti, i protoebrei erano gli invasori Hyksos che invasero l’Egitto nel 1750 a.C., adoratori del dio Ba’al. Per caratteristiche era simile al dio Seth degli egizi che scelsero quindi come loro dio una volta entrati in Egitto per affinità elettive. Difatti il dio fenicio Baal lo ritroviamo in un testo proveniente da Ugarit e risalente al quattordicesimo secolo avanti Cristo in Cat 1:19 – 1: 42-43 dove si legge:

Per sette anni possa Ba‘al essere assente,
per otto anni il Cavaliere delle Nubi!
CAT [1.19 – I: 42-43]

Come è possibile notare dalle tavolette ugaritiche, Baal è identificato con l’epiteto di “Cavaliere delle nubi”, lo stesso epiteto che, guarda caso, ritroviamo in Salmi 68: 5 attribuito al dio biblico Yahweh:

Šîrû l-ē’lōhîm! Zammərû šəmô!
Sōllû lārōkēb bā‘ărābôt!
Bəyāh šəmô
wə ‘iləzû ləpānâw!
“Cantate, o dèi! Inneggiate, o suoi cieli!
Spianate la strada al Cavaliere delle Nubi!
In Yahweh gioite
ed esultate dinanzi a lui!
Salmi [LXVIII: 5]

Tuttavia ciò che sarà sconcertante per i credenti è il fatto che in seguito su tutti i Baal/Bel verranno riuniti tutti gli epiteti e le azioni attribuite a Yahweh, facendo sì che il dio Baal si potesse identificare nel demone biblico Belzebub, ovvero il diavolo, di conseguenza tutti i seguaci e gli adoratori del dio biblico starebbero in realtà venerando inconsapevolmente il suo maggiore antagonista: Satana.
Il figlio di Baal e della sua moglie-sorellastra si chiamava Yaw/el, nome che presenta una fortissima assonanza con il dio biblico Yahweh, ed anche in questo caso la prova ci viene da un frammento di un vasto poema dedicato al “mito di Baal”, restituitoci dagli scavi archeologici effettuati a partire dal 1929 nella regione di Ugarit, prova che è stata addirittura ammessa da un prete, l’abate e biblista francese Henri Cazelles:
“Se vogliamo trarre una conclusione – sottolinea Giovanni Garbini – dalle testimonianze extrabibliche relative a Yahvè, possiamo affermare che i testi ci mostrano una figura divina venerata nella regione siro-palestinese fin dall’inizio del II millennio a.C., sia da parte di sedentari sia da parte di nomadi; una figura divina connessa in qualche modo con il pantheon locale, ma non preminente; una figura divina, infine, la forma del cui nome presenta una singolare fluttuazione: Yah, Yaw, Yahvè” (“Storia e Ideologia nell’Israele antico”, Paideia, Brescia, 1986, pag. 87-88).
Recentemente è stata rinvenuta una iscrizione paleoebraica dell’ottavo secolo avanti Cristo nei pressi di Kuntillet ‘Ajrud dove si legge:

Ti benedico tramite Yahweh e tramite la sua Ašerah.
Iscrizione paleoebraica

ImmagineQuesta sconvolgente rivelazione rappresenta la prova definitiva dell’identificazione del dio biblico Yahweh nel dio fenicio Ba’al prima, ed in suo figlio Jaw/el poi. Il dio Baal sposerà infatti la sua sorellastra Asherah ed il figlio nato dalla loro unione si chiamerà Yahweh. Padre madre e figlio: ovvero la santissima trinità; la benedizione avverrà perciò attraverso Yahweh e la sua consorte e madre Asherah. Ci ritroviamo quindi con Dio (Yahweh) che ha un padre ed una madre che diventerà in seguito sua moglie, un bell’incesto divino, confermato dalle iscrizioni paleografiche, che, se si divulgasse, farebbe cadere tutte le maggiori religioni monoteistiche, islamismo compreso.
Il collegamento tra Yahweh e sua moglie/madre ci dà senz’ombra di dubbio la conferma che il figlio di Baal, Jaw/el, sia in realtà il biblico Yahweh, il nuovo dio su cui gli Assiri ed in seguito gli Hyksos-Ebrei, che conosceranno questo dio dopo la deportazione assira, cercheranno di porre le basi per una convergenza religiosa monoteistica, in quanto il dio Baal risulterà inadatto al ruolo per la sua consolidata tradizione e la sua storia conosciuta da molti popoli e vecchia ormai di centinaia di anni. Quindi Gesù sta dicendo agli ebrei che stanno adorando in Yahweh il saytan, o in aramaico avversario di Osiride, ovvero Seth, il fratello che smembrò in 14 parti il suo corpo, e Gesù che era iniziato al culto di Osiride-Iside-Horus, in quel versetto del vangelo di Giovanni sta svelando la verità ai lettori dei vangeli: gli ebrei sono adoratori del nostro avversario Osiride. Per questo gli ebrei furono accusati della morte di Gesù da chi costruì i vangeli.
Ah dimenticavo l’altra versione che oggi va per la maggiore: Yahweh era un alieno a capo degli Hyksos e che diede loro la sua tecnologia per vincere la guerra contro gli egizi. Che dire, a voi le conclusioni.

(Visited 90 times, 1 visits today)