ARMI E POZIONI – Capitolo 6

Capitolo 6

Continuando il cammino sottoterra; Kuros si trova in una altra caverna enorme. Stando alle indicazioni del rotolo, dopo questa caverna; Kuros potrà risalire in superficie. Nel frattempo; Kuros viene attaccato da lupi mannari, vespe giganti, ragni giganti, mosche giganti, fantasmi giganti e serpenti giganti. Kuros trova la pozione rossa. Bevendola, Kuros diventa invulnerabile sconfiggendo dei mostri con il solo contatto con la sua armatura. Kuros trova la pozione rosa. Bevendola Kuros può saltare più in alto. Kuros trova la pozione blu. Bevendola Kuros può muoversi più velocemente e combattere più rapidamente. Kuros trova la chiave rossa. Kuros trova una cassa rossa. Aprendo la cassa rossa con la chiave rossa; Kuros trova 55 gemme, mettendole poi nel suo sacco. Continuando il cammino nella caverna; Kuros trova la chiave blu. Kuros trova una cassa blu. Aprendo la cassa blu con la chiave blu; Kuros trova 53 gemme, mettendole poi nel suo sacco. Kuros si difende usando il bastone del potere che spara palle di fuoco. Kuros si difende lanciando l’ascia che poi essa gli ritorna nella mano dalla parte dell’impugnatura come per magia. Continuando il cammino; Kuros entra in una porta blu e poi in una porta rossa. Niente di importante. Ci sono solo trappole per Kuros e agguati che attendono Kuros. Kuros deve sforzarsi di seguire le indicazioni del rotolo trovato nella precedente grotta. Le trappole sono state messe per uccidere Kuros; ma le indicazioni del rotolo messo chissà da chi vogliono aiutare Kuros. Kuros ha bisogno della chiave rosa ma senza riuscire a trovarla. Kuros salta accidentalmente…Ma che succede? Kuros è appena entrato in una porta invisibile. Kuros si trova in una piccola stanza. Ma ci sono dei teschi che sputano frecce. Kuros si ripara proteggendosi con lo scudo. Nulla qui. Quindi questa porta segreta invisibile potrebbe non essere l’unica qui. Continuando a cercare; Kuros potrebbe trovare la chiave rosa che gli manca per aprire le porte rosa ed eventualmente le casse rosa. Ma Kuros deve stare molto attento; perché entrando in questi passaggi segreti tramite porte invisibili come si possono trovare oggetti utili si possono trovare anche agguati ed essere uccisi. Un agguato trovato nel passaggio segreto tramite la porta invisibile è stato sventato; ma non sempre Kuros potrebbe essere così attento o fortunato. Cercando ancora un’altra porta invisibile; Kuros alla fine riesce a trovarla saltando ed entrando in una porta invisibile. Entrando nel passaggio segreto tramite la porta invisibile; Kuros vede la chiave rosa ma ben difesa da teschi che sputano frecce. Come quelli di prima; i teschi che sputano frecce sono immuni sia ai colpi di spada, colpi di ascia e palle di fuoco. Kuros deve anche questa volta evitare le frecce sputate dai teschi per prendere questa volta però la chiave rosa. I teschi che sputano frecce sono indistruttibili. Malkil ha pensato anche a rendere questi teschi riportati in vita potendo essi sputare frecce e grazie alla magia nera; questi teschi non possono essere distrutti ma bisogna riuscire ad evitare i loro attacchi, restando immobili i teschi sul loro posto fisso. Trovata e presa anche la chiave rosa; ora Kuros può accedere a tutte le porte e a tutte le casse di qualunque dei tre colori; blu, rosa, rosso. Kuros vede un guerriero con l’armatura rossa. Il guerriero con l’armatura rossa dice a Kuros:

“100 gemme per passare!”

Avendo Kuros nel suo sacco 108 gemme; Kuros può pagare le 100 gemme richieste e passare tranquillamente. Per entrare in questa porta rosa; non bastava pagare il pedaggio ma bisognava avere anche la chiave rosa che è anche il colore della porta per poterla aprire. Pensate quindi, cari lettori; che se Kuros non avesse trovato e preso la chiave rosa trovata in quella stanza tramite passaggio segreto attraverso una porta invisibile, anche pagando le 100 gemme di pedaggio; Kuros comunque non sarebbe potuto entrare suo malgrado in questa porta perché privo di chiave rosa per aprire la porta rosa.

Kuros non crede ai suoi occhi…Kuros ha davanti a sé un fantasma maligno gigante. Il fantasma maligno gigante è il capo di tutti i fantasmi giganti ed oltre ad essere molto più grande dei fantasmi giganti; il fantasma maligno gigante è ancora più potente oltre che molto più grande. Il fantasma maligno gigante scompare e ricompare velocemente. Il fantasma maligno gigante ha più forza per attaccare. Il fantasma maligno gigante si può muovere molto più velocemente rispetto ai fantasmi giganti. Kuros si sente spacciato. Ma non solo la vita di Kuros è in pericolo ma anche quelle di altre persone tra cui la principessa Eleanor. Kuros attacca il fantasma maligno gigante sparandogli le palle di fuoco usando il bastone del potere; ma essendo molto grande il fantasma maligno gigante; Kuros beve la pozione di levitazione restando fermo in aria mentre Kuros spara le palle di fuoco dal bastone del potere. Dopo i continui attacchi subiti dalle palle di fuoco sparate dal bastone del potere usato da Kuros; il fantasma maligno gigante scompare definitivamente. Scomparso il fantasma maligno gigante, compaiono delle anime che attaccano Kuros. Kuros con la sua Spadalucente sconfigge le anime. 

Dopo poco, si sente una voce:

“Messere…Messere…Venite vi prego!”

Kuros trova e libera una donzella. Kuros dice alla donzella mentre Kuros la libera:

“Voi chi siete? Io mi chiamo Kuros!”

La donzella liberata da Kuros, lei dice a Kuros:

“Io sono Penelope! Grazie, messere di avermi liberato! Voi avete novelle per me?”

Kuros dice a Penelope:

“Io ho liberato cinque donzelle compresa Voi! Ma dove è la principessa Eleanor? Dove è Malkil e dove si trova il castello Gugliadiferro?”

Penelope dice a Kuros:

“Voi siete un eroe, mio messere! Considerato il vostro coraggio, io vi posso aiutare! La principessa è prigioniera nel castello di Malkil, ma Malkil è molto furbo e si nasconderà in qualche posto sicuro e difficile da trovare e Voi dovrete scovarlo! Ma Voi avrete bisogno di aiuto, perché come Malkil ha due stregoni suoi alleati anche Voi dovreste avere degli alleati! Nella foresta di Elrond c’è qualcuno con sembianze simili ad un uomo che potrebbe aiutarvi! Trovatelo!”

Kuros dice a Penelope:

“Ma chi è costui? Come lo trovo io?”

Penelope dice a Kuros:

“Io penso che se Voi non troverete lui, sarà lui a trovare Voi! Vi basta andare nella foresta di Elrond! Io avevo saputo che le donzelle rapite erano 8 compresa me; eppoi un eroe molto coraggioso avrebbe cercato di salvare la principessa!”

Kuros impietrito dalla sorpresa dice a Penelope:

“Otto donzelle rapite? Cinque già salvate da me compresa Voi, mia donzella! Chi sono le altre tre? Perché sì tante donzelle rapite?”

Penelope dice a Kuros:

“Io non so di preciso, mio messere! Ma forse c’è una specie di richiesta o di riscatto; per questo servivano 8 donzelle per darci in cambio di qualcosa! Io non so di preciso, mio messere!”

Kuros dice a Penelope:

“Allora, stando alle indicazioni che io trovai su un rotolo; da qui si dovrebbe risalire in superficie!”

Penelope dice a Kuros:

“Un’ultima cosa, mio messere! Venite vi prego!”

Penelope viene seguita da Kuros. Penelope mostra a Kuros un immenso tesoro di oggetti d’oro e oggetti preziosi di ogni tipo. 

(Visited 6 times, 1 visits today)