• Gio. Lug 29th, 2021

Ciadd News Radio e TV

Per info tel 320 221 74 20 e-mail ciaddsrl@gmail.com

IL DIVORATORE DI ANIME – Capitolo 158

DiPietro Sciandra

Giu 30, 2017

 

Capitolo 158

Roma, 15 febbraio 2003

Oggi diario. Dopo aver esaminato accuratamente il poema “I Cavalieri Rossi” e le note, credo che ciò che voleva farmi comprendere il cardinale sia il loro appoggio verso i Cavalieri Rossi, ovvero che i Cavalieri operino per conto loro ma con l’appoggio del Vaticano che deve far finta che non esistano o che siano solo letteratura. Io ho sempre questo dubbio. Difatti; per questo il mistero l’ho chiamato “le ombre cinesi del Vaticano”; perché è come se davanti alla luce vogliano far vedere delle cose, ma in realtà le cose che si muovono dietro l’ombra siano altre.

Tutto questo mi spaventa e devo scoprire cosa si cela veramente dietro queste ombre. Io ora sono uno degli uomini di maggiore fiducia del papa e non posso mancare al compito assegnatomi. Devo comunque fare finta che il cardinale non mi abbia dato nulla e non devo parlarne con nessuno. Ho paura di trovarmi al centro di un complotto segreto e di dover fare finta di nulla.

Dove potrebbero nascondersi questi cavalieri, in un sotterraneo, in una cantina, in una grotta?

Se veramente fosse solo un’opera letteraria non ci sarebbe tutto questo segreto. Comincio a credere che i Cavalieri Rossi esistano veramente e che vadano in cerca delle sètte sataniche per distruggere i nemici di Cristo ed adoratori del diavolo. Perché mi avrebbero messo al corrente di tutto ciò? Non ne vedo motivazione. Potrebbe darsi che il Vaticano voglia avvicinarmi all’Ordine segreto e sperare che io entri a far parte di loro per qualche motivo di cui io sono all’oscuro.

Nel frattempo che faccio le mie indagini sul mondo esterno; devo sapere cosa vuole veramente il Vaticano da me.

Il papa mi ha detto di aver letto la mia documentazione; evidentemente egli ha scartato già molti altri chierici. La mia può considerarsi veramente una fortuna? Il mio potrebbe essere un compito sgradevole; ma che qualcuno deve pur fare. Non so più cosa pensare. Non so se sia il caso di essere felice; ma onorato sicuramente. Io devo servire Dio fino alla morte, su questo non ho dubbi. Per riflettere meglio è preferibile dormirci sopra, buonanotte, caro diario.”

(Visited 8 times, 1 visits today)