Mafia nel mondo del Doppiaggio Italiano

Chi di voi non conosce il mondo del doppiaggio? Chiunque risponda “io” si può ritenere fortunato perché il sottoscritto invece lo conosce molto bene purtroppo. Cominciamo dall’inizio. Sono andato agli studi Titania per fare dei corsi, per tre anni sono stato li ed ho imparato molto grazie ad Andrea, Stefano e Massimo Di Cicco (che purtroppo non c’è più), ed anche Anna Sereni. Un giorno però mi viene offerto un corso con Giorgio Lopez (che mi è costato 3000 euro per tre livelli), il fratello di Massimo, per chi non lo conoscesse, è la voce ufficiale del maestro Miyagi e Danny De Vito. All’inizio sembrava una persona tranquilla ma subito dopo il primo livello di corso ho capito che mi sbagliavo. Non solo faceva i complimenti davanti agli alunni e dietro poi sparlava di loro, ma prometteva a tutti che ci avrebbe chiamati per lavorare con lui e non lo ha fatto. Nulla toglie però che è stato un buon maestro e ci ha insegnato molto. Il sottoscritto come tanti altri ragazzi che uscivano dalla Titania hanno disperatamente cercato lavoro nel mondo del doppiaggio ma ho sentito cose orrende. Un ragazzo, mi ha detto di essere andato alla Fonoroma per chiedere di fare un provino e di essere stato dodici ore in corridoio ad aspettare di essere ascoltato ma gli è stato anche detto di ripassare e così è successo altre volte. Un altro mi ha detto di essere andato a lavorare con Lopez solo dopo avergli leccato il posteriore. Un altro mi ha detto di aver chiesto un provino e quando hanno accettato di farglielo una volta entrato ha visto che l’anello (il filmato) era già partito e non trovavano la numerazione delle battute sul copione l’anello finì presto e dalla regia si sentì dire “mi dispiace sarà per la prossima volta”. Non parliamo poi della cocaina che gira nel mondo dei doppiatori, potrei fare molti nomi ma l’Italia è il paese delle querele e non temo per me che sono nulla tenente, ma per chi mi da la possibilità di pubblicare questo articolo, che non c’entra nulla e mi assumo io la responsabilità di ciò che ho scritto. Volete sapere perché nessun giovane trova lavoro nel mondo del doppiaggio? Semplice: i vecchi doppiatori come Lopez prendono minimo 10.000 euro per doppiare un film, un giovane ne prenderebbe anche tre mila, anzi c’è chi per mille euro farebbe i salti di gioia. Ad esempio studiai anche con Stefano Mondini, il quale ogni mezzo secondo ci ribadiva che noi non eravamo bravi e che non avevamo futuro in quel campo.
Quindi i giovani sono possibili concorrenti da eliminare e così vengono presi in giro e scoraggiati in modo tale da ridurre la concorrenza a zero e poter pappare più soldi possibili perché evidentemente a queste persone quando moriranno faranno delle bare con le “saccoccie” per portarsi i soldi nell’oltre tomba. E’ uno schifo e nessuno osa ribellarsi perché hanno paura di bruciarsi qualche possibilità per entrare nel giro di questa “Mafietta”, quando ho proposto di metterci tutti insieme ribellarci chiamando giornali e tv, tutti mi hanno risposto di si e alla fine mi sono ritrovato da solo. Il mondo del doppiaggio è fatto di gente falsa e ipocrita e questo l’ho visto in prima persona, non fidatevi mai di nessun doppiatore che finge di essere amico di un altro doppiatore, l’amicizia durerà solo fino a quando uno dei due non troverà una sistemazione nella Mafietta del doppiaggio e l’altro assumerà la funzione di leccaculo nei confronti di quello che un tempo considerava amico e che ora si diverte a deriderlo alle sue spalle. I doppiatori famosi invece fanno i corsi solo per spillare i soldi ai giovani illudendoli.  Ecco il motivo per cui il cinema è in crisi.

(Visited 118 times, 1 visits today)