RICERCHE E INCANTESIMI

RICERCHE E INCANTESIMI

Storia di Pietro Sciandra

Cerca su www.ciaddnews.com: le opere di Pietro Sciandra

Cerca su www.youtube.com: Pietro Sciandra

Capitolo 1

Il leggendario prete Gianni è alla continua ricerca della città di Shangri-La di cui si crede la città dell’immortalità e dell’eterna felicità. Il prete Gianni non ha mai smesso di cercare questa città al punto da capire che lui stesso questa volta avrà bisogno di più aiuto che mai. Avendo capito il prete Gianni dell’impossibilità di scoprire da solo l’ubicazione precisa di questa città; il prete Gianni a differenza delle sue precedenti avventure; finalmente il prete Gianni è giunto alla conclusione di mai più affrontare tale ricerca da solo ma cercandosi degli alleati durante il suo cammino che poi gli alleati oltre che essere compagni di viaggio ma soprattutto utili ad affrontare anche i vari nemici che potrebbero essere incontrati durante il tortuoso viaggio pieno di pericoli. Il prete Gianni oltre ad essere abilissimo e spietato con la spada, anche se prima che uomo d’armi e grande viaggiatore, il prete Gianni è soprattutto un uomo di chiesa. La sua fede è incrollabile, ed egli porta sempre racchiusa in sé la parola di Dio. Il suo potere di conversione è una dote eccezionale che si somma alla sua abilità di soldato e ad una singolare apertura di spirito.

Il prete Gianni possiede un’autorità straordinaria: la sua sola presenza basta spesso a convincere gli avversari a gettare le armi e ad abbracciare la fede di Cristo.

Il prete Gianni cavalca fino ad un grande edificio bianco, nella zona del porto: il quartier generale dei templari. Il vento muove gli stendardi bianchi con la rossa croce al centro, il simbolo dell’Ordine. Il prete Gianni viene accolto da una guardia dall’aspetto feroce che lo introduce al cospetto di un templare enorme, alto quasi due metri e con il viso seminascosto da una lurida barba incolta. Appollaiato sulla sua spalla c’è un avvoltoio che agita il becco minaccioso. Il templare al prete Gianni dice come un tuono:

“Ehilà, messere! Cosa vieni a cercare al quartier generale? Non hai seguito il buon re Riccardo Cuor di Leone sulla sua strada del ritorno?”

Il prete Gianni risponde al templare:

“Io ho bisogno di provviste per il mio lungo viaggio! Mi aspetta una lunga ricerca e non so quando e dove rimangerò!”

Capendo così, il templare vende delle provviste al prete Gianni e il prete Gianni mette le provviste nel suo sacco dopo averle pagate al templare. Fatto questo, dopo i saluti; il prete Gianni parte per la sua pericolosa e lunga ricerca.

Bisogna annunciare che il prete Gianni oltre che uomo di chiesa, il prete Gianni è anche un grande esperto di incantesimi. Il prete Gianni sa combattere e usare la magia. I nemici che potrebbero ostacolare il prete Gianni potrebbero non essere sempre umani. Meglio essere prevenuti. Il viaggio a cavallo del prete Gianni si preannuncia ricco di sorprese strabilianti ma anche potenzialmente mortali. Forza prete Gianni! 

La destinazione del prete Gianni è la temibile fortezza di Alamuth, regno del vecchio della montagna ovvero il più potente mago mai conosciuto, Hasan ibn as-Sabbah a cui il prete Gianni vuole rivelare a questo mago la meta delle sue ricerche: la città di Shangri-La. Il prete Gianni scoprì l’esistenza di questa città in vecchie pergamene ingiallite dai secoli. Il prete Gianni sa che Shangri-La sorge sulla cima di un picco quasi inaccessibile, ma il prete Gianni non ne conosce l’esatta ubicazione. La città misteriosa ha il potere, si dice, di rendere immortali ed eternamente felici i suoi abitanti. Che ricerca meravigliosa, degna della sete d’avventura del prete Gianni. Solo Hasan ibn as-Sabbah possiede il segreto della via per Shangri-La, solo lui può aiutare il prete Gianni. Il prete Gianni è disposto ad affrontare qualsiasi pericolo pur di raggiungerlo. 

Il prete Gianni potrebbe cercare dappertutto per sapere come raggiungere Shangri-La, addirittura recarsi nell’antico Egitto, nella giungla africana, a Babilonia, persino in India e in Cina e chissà dove.

Così, dopo aver cercato una locanda per passare la notte; il prete Gianni rifocillato e riposato è pronto definitivamente per rimettersi in viaggio per raggiungere la terribile fortezza di Alamuth. 

(Visited 14 times, 1 visits today)